Experience and the City. Il benessere relazionale al centro dell’esperienza turistica (dotFlorence Lab 21 Novembre 2018 @ TSH Florence)

 IL “BENESSERE RELAZIONALE” AL CENTRO DELL’ESPERIENZA TURISTICA


Dove: Auditorium The Student Hotel
Quando: 21 Novembre (15,00-18,00)
Speakers: Marco de la Pierre (dotFlorence.com), Alessandra Andreani (dotFlorence.com), Paola Gheis (CEO di FullyBookedHome.com), Alberto Lombardi (CEO di TuscanyQuintessence.com), Gloria Mottini (Cook like an Ancient Tuscan – AirBnB), Alessandro Sorani (Presidente ConfartagianatoFirenze,it)
Costo: Gratuito
Sponsors: dotFlorence Srl, Keesy, Fitel.

Courtesy of Noto.Ca

Il turismo non è più “cosa mi offri” ma “come mi fai sentire”: ora al centro c’è la persona (People&Passion, ovvero le 2 P dell’Hospitality )

Non è un caso se oggi il fattore umano, fatto di persone con le loro usanzeabitudini, tradizioni, attrae più turisti dei monumenti, dei musei e delle bellezze naturali. Il 33% deI viaggiatori occidentali chiede di essere protagonista del viaggio e non solo spettatore.

C’è una nuova frontiera del turismo dove la parola“esperienza” sta modificando l’approccio al viaggio.

È l’evoluzione del concetto di lusso non più basato su beni esclusivi e materiali ma sul benessere relazionale. Il viaggio è un’esperienza fatta di incontri e conoscenze, di condivisione di passioni.

Il valore aggiunto del turismo esperienziale è il forte elemento emozionale che ha un impatto indelebile sul ricordo.

Un’esperienza turistica ben progettata può persino arrivare alla trasformazione della persona, contribuendo ad arricchirne la personalità, è coinvolgente ed è inaspettata da un certo punto di vista, ma anche fortemente desiderata.

The Student Hotel ad esempio –  la struttura in cui si trova l’ufficio di dotFlorence e in cui si terrà l’evento del 21 Novembre  – si conraddistingue per la presenza di aree gioco, sale di musica, palestre con vista, graffiti d’autore disegnati e progettati per stupire creare ricordi duraturi nella memoria degli ospiti che vivono da protagonisti la loro esperienza di soggiorno a Firenze.

Leggi tuttoExperience and the City. Il benessere relazionale al centro dell’esperienza turistica (dotFlorence Lab 21 Novembre 2018 @ TSH Florence)

3+

1 e 2 FEBBRAIO 2018: MASTERCLASS IN DIGITAL MARKETING PER GLI OPERATORI DEL SETTORE WEDDING

L’industria del wedding è in grandissima e costante crescita da diversi anni e la Toscana si conferma essere – anno dopo anno – una delle wedding destinations più hot del pianeta.

Secondo una ricerca di “Wedding Tourism” infatti ben il 43% degli stranieri che hanno scelto l’Italia come “wedding destination” ha scelto la Toscana per il proprio matrimonio. Seguono la Costiera Amalfitana, l’Umbria e il Veneto con rispettivamente il 9,9%, il 7,7% e il 7,5% dei matrimoni stranieri nel nostro Paese.

La formazione continua sulle tematiche del :

  • Digital marketing (Visual Marketing, Google Adwords, Facebook Ads, SEO, Social Media, UGC) 
  • Revenue Management (strategico anche nel settore wedding)
  • SEO copywriting
  • Cultura d’impresa e Wedding Business Canvas

è da considerarsi quindi una priorità per tutti gli operatori che vogliono crescere in un settore che è sempre più remunerativo ma anche sempre più competitivo e in rapida evoluzione.

Il team del dotFlorence Lab (con una lunga esperienza nel settore della comunicazione digitale nel mondo wedding e con una grande esperienza nel mondo della formazione) ha realizzato un programma di digital marketing targettizzato per questo specifico settore.
——————————————————————————
Reviews corsi di formazione dotFlorence team: leggi qui
Portfolio progetti wedding planners by dotFlorence: vedi portfolio (sezione wedding planning)

——————————————————————————

Il corso (durata 16 ore) si terrà Giovedì 1 Febbraio 2018 ore 9-18 e Venerdì 2 Febbraio 2018 ore 9-18 ed avrà un numero di partecipanti massimo di 25 persone.

Leggi tutto1 e 2 FEBBRAIO 2018: MASTERCLASS IN DIGITAL MARKETING PER GLI OPERATORI DEL SETTORE WEDDING

2+

IL CHECKIN 4.0 NON SARA’ LA PLAYSTATION DELL’OSPITALITA’ – DotFlorence Lab 25 Ottobre 2017

Articolo di Maurizio Beolchini

Durante l’ultimo incontro del maggio scorso presso l’Unione Commercianti di Milano “Hotel vs Apartment: le regole del gioco” il presidente di ResCasa Lombardia Raffaele Paletti edalbergatore da due generazioni, parlando della Locazione Turistica da lui comunque esercitata in diverse occasioni ha ricordato come il checkin resti l’unico ed ultimo momento, nel processo della Locazione riconducibile all’ospitalità di tipo tradizionale, suggerendo ai numerosi Host presenti di investire in esso tempo ed attenzione, e sottolineando come il suo superamento porti a modelli sconosciuti di accoglienza di tipo… alieno, che appunto preferiamo non conoscere.

In effetti tutto il modello AIRBNB senza il checkin “fisico” tra i due soggetti della partita gestore ed ospite, diventa la Playstation dell’Ospitalità, una rischiosa caricatura dove tutto è virtuale tranne le nostra case messe letteralmente in gioco “al buio” ed il denaro che l’ospite è disposto a spendere. Ma se questo modello potrebbe avere un senso nei condomini tutti uguali tra loro e perfettamente funzionali distribuiti sullo strand di Miami, nei quali l’ospite via whatsapp comunica in tempo reale con un assistente in grado di dare tutte le risposte dalla gestione dell’aria condizionata alla ricetta  della carbonara, non può funzionare nelle nostre complicate realtà residenziali, tra raccolta differenziata e vicini arrabbiati, impianti spesso vintage e televisori o WI-FI poco self making… ed in ogni caso anche a Miami l’ospite è accolto e guidato con un sorriso e le giuste rassicurazioni, i robot per adesso li lasciamo alle sperimentazioni giapponesi ed ai B movie di fantascienza.

La tecnologia è una grandissima cosa e senza di essa tutto il modello commerciale sul quale è costruito AIRBNB non potrebbe esistere, ma non possiamo chiedergli quello che non può dare né illuderci che possa riempire i vuoti che intendiamo lasciare per pigrizia o per mancanza di tempo , perché semplicemente non può funzionare. La tecnologia propone automatismi per eseguire azioni complesse ma ripetitive, si tratta quindi di analizzare il processo del checkin distinguendo tra le sue diverse parti ciò che la macchina fa meglio di noi per affidarglierlo.

L’obiettivo che ci poniamo non è allontanarci dalla ricezione fisica dell’ospite quanto piuttosto avere il tempo giusto per dedicarsi con maggiore attenzione agli aspetti personali e non delegabili di questa attività.

Riconosciamo tre parti distinte nel checkin:

  1. la prima è quella della raccolta documentale (anagrafica ed eventuali esenzioni dall’imposta di soggiorno)
  2. la seconda è quella commerciale amministrativa relativa all’incasso materiale del’imposta di soggiorno e di eventuali saldi o differenze economiche con quanto concordato all’atto della prenotazione
  3. la terza è quella propriamente residenziale che permette all’ospite di avere una esperienza positiva nel nostro appartamento e nel contesto che lo circonda, dall’uso dell’aria condizionata e dell’ ascensore alla gestione della raccolta differenziata, al ristorante consigliato, alla lavanderia più affidabile, agli orari del checkout ecc…

Lasciamo pure l’accoglienza in casa e la gestione dell’aspetto più propriamente residenziale all’esperienza ed alla capacità comunicativa dei singoli Host per concentrarci piuttosto sugli aspetti, decisamente più critici, attinenti ai fattori legali e normativi dell’ospitalità e di quelli amministrativi ad essa collegati.

Gestione documentale dell’ospite

  • Il contratto di Locazione Turistica

Occorre spiegare all’ospite perché deve firmare un contratto di locazione turistica pure avendo già sottoscritto e spesso prepagato un accordo con il portale.

Alla spiegazione segue obbligatoriamente il contratto stesso, se possibile bilingue (italiano e lingua dell’ospite o almeno in inglese), da fare controfirmare all’ospite.

  • Identificazione dell’ospite

L’esame diretto dei documenti degli ospiti è un obbligo che ha un nome: “identificazione”.

La legge dice senza alcuna possibilità di interpretazione che l’ospite va riconosciuto nella medesima persona risultante nella prenotazione, la responsabilità penale di questa azione è interamente della persona fisica che gli consegna le chiavi.

 

  • Gestione anagrafiche ospiti per portale Alloggiatiweb

L’identificazione è un’azione diversa nel tempo che richiede e nella modalità di svolgimento dalla gestione delle anagrafiche da inviare in questura del capofamiglia/ capogruppo e degli altri eventuali ospiti. Sappiamo peraltro che non tutti sono disponibili a lasciarsi fotografare i documenti così da permettere all’host di  gestire questa fase in un secondo tempo. E’ bene sapere peraltro che questa  prassi è totalmente illegale senza una liberatoria specifica del titolare del documento stesso. La gestione dell’anagrafica del resto non si esaurisce con la sua raccolta ma con il suo invio al portale della Questura, prevedendo quindi una post-azione di elevata responsabilità e soprattutto tempestività.

  • L’imposta di soggiorno

E’ inevitabile avere gli argomenti per spiegare in modo esauriente all’ospite la motivazione dell’importo che deve pagarci cash come richiesto dall’Imposta di soggiorno, valutando e concordando in “diretta” le eventuali riduzioni o esenzioni, e quindi incassando materialmente il dovuto o nel caso gestendone il rifiuto. Anche in questo caso esiste un secondo tempo di inserimento dei dati sul portale del Comune per l’invio della dichiarazione ed il riversamento dell’imposta.

Il nostro obiettivo è risparmiare tutto il tempo possibile nel momento fisico del checkin per restituirlo alla disponibilità ed alla quotidianità dell’host, aiutandolo a superare le difficoltà proprie del confronto con l’ospite sui temi più critici.

Per fare questo utilizziamo la tecnologia per spostare parte di queste criticità proprie del checkin ad un “prima” e ad un “dopo” così da levarle dal periodo fisico dell’incontro lasciando così un tempo maggiore e meno critico per la consegna delle chiavi e la comunicazione delle informazioni “residenziali”.

E’un modello quasi quantistico di utilizzo della funzione tempo e spazio che ci permette di anticipare i confini del checkin ad un diverso momento,  successivo alla prenotazione stessa ma comunque precedente l’arrivo, e di comprendere in esso tutte le azioni temporali solitamente conseguenti al checkin (alloggiati ed imposta soggiorno) in modo da chiudere il processo documentale insieme alla porta di casa.

Piattaforma alloggiati by Hospres e checkin by guest

E’ necessario descrivere almeno brevemente la tecnologia e lo sviluppo di questo processo. Lo definiamo “piattaforma” perché nella sua struttura ospita più funzionalità diverse tra loro, ognuna con un suo programma ed un sua autonoma finalità, ma che riportando una all’altra le informazioni raccolte, come quando si uniscono con una linea colorata i punti numerati su un foglio, realizzano nel loro insieme un disegno molto più ampio e complesso  che andiamo ora a descrivere.

Leggi tuttoIL CHECKIN 4.0 NON SARA’ LA PLAYSTATION DELL’OSPITALITA’ – DotFlorence Lab 25 Ottobre 2017

0

“APPARTAMENTAIO DAY” IN FLORENCE – 5 LUGLIO 2017 (ore 10-13)

banner appartamentaio luglio 17


 

Nell’ultimo mese le domande, i dubbi, le perplessità in merito agli aggiornamenti fiscali e legislativi hanno riscaldato il clima già di per se’ hot delle locazioni turistiche. Il team del dotFlorence Lab ha fissato una data estiva (5 Luglio 2017) per rispondere a queste domande e possibilmente capire se stiamo andando nella giusta direzione e fare luce sui dubbi che assalgono i tantissimi proprietari e gestori di appartamenti turistici.

Gestire con successo un appartamento turistico nel 2017 significa conoscere:

1)  gli  “aggiornamenti legislativi e fiscali” collegati con il mondo della gestione imprenditoriale (professionale o non professionale)  di un immobile turistico  (cedolare secca, sostituto d’imposta, modalità registrazione questura, tassa di soggiorno, contabilità, bollette, Tasi, F24, aggiornamento legislativo, etc). Il tema come sappiamo è particolarmente “hot” dal momento che molte norme sono cambiate proprio in quest’ultimo mese ed è fondamentale conoscerle sin da subito per non incorrere in errori e quindi sanzioni.

2) le tecniche, le strategie, gli strumenti di “Comunicazione, Marketing e Revenue management” . Nell’ultima ora di questo lab (anche per alleggerire l’atmosfera..) ci concentreremo sui software gestionali (PMS, Instant, Channel Manager) che possono cambiare la vita dell’appartamentaio (in termini di revenue, disintermediazione e ottimizzazione del tempo di lavoro)

3) i segreti della “gestione fisica” di una proprietà (check- in, check-out, novità Keesy, preparazione letti, pulizie, pronto intervento guasti, preparazione colazioni, manutenzione ordinaria, preventiva e straordinaria, etc).

In occasione del Lab del 5 Luglio 2017 (10-13) approfondiremo in particolare i punti 1) e 2).
Il punto 3) sarà trattato in relazione ai primi 2 punti.Questo il programma della giornata:
10,00-10,15 Introduzione temi e ospiti (Marco de la Pierre)
10,15- 11,30 Novità e aggiornamenti fiscali e legislativi del settore (Maurizio Beolchini, Giuseppe Mazzariello)
11,30-11,40 Coffee Break
11,40-12,15 Novità e aggiornamenti fiscali e legislativi del settore (Maurizio Beolchini,Giuseppe Mazzariello)
12,15-13,00 Strumenti web 2017 per diventare veri Appartamentai Felici (Nicola Magnini, Marco de la Pierre)*
*quest’ultima ora sarà di alleggerimento (dopo le prime 2 ore passate a parlare di burocrazia e fiscalità ci vuole..)
Per iscriversi gratuitamente:

(Articolo by Marco de la Pierre – dotFlorence Lab)
0

Il marketing digitale al servizio del business di un’impresa turistica. Lab da non perdere!

Quando: Mercoledì 22 Marzo ore 15-18
Dove: Hotel Adriatico
Target: Imprenditori filiera lunga hospitality: hotel, b&b, agriturismi, appartamenti, ostelli, guide turistiche, wedding planner, tour operator..
Docenti: Marco de la Pierre, Edoardo Bini + intervento di un’imprenditrice locale (sezione: dotCommunity)

web marketing class 2017

Troppo spesso l’attenzione degli attori digitali si focalizza solo sugli strumenti e non sull’azienda, i suoi processi, il suo modo di offrire valore ai clienti. Coordinare gli strumenti digitali al servizio del web marketing con la strategia e l’operatività dell’impresa, rappresenta la sfida più importante per le aziende turistiche che iniziano percorsi digitali di successo.

Al termine del workshop del 22 Marzo l’imprenditore turistico disporrà di

  • Una corretta visione del ruolo del digital marketing per lo sviluppo della propria impresa

  • Un modello per attivare il piano di digital marketing integrato

  • Il panorama delle aree, degli strumenti e delle opportunità offerte dal digital marketing

  • Una chiara comprensione dei principali strumenti di digital marketing

Parleremo di

  • Come può il digital marketing aiutare l’impresa turistica a fare business?

  • Trend e dimensioni del settore e del mondo della comunicazione digitale

  • Gli strumenti digital per le imprese italiane: una panoramica sul loro utilizzo

  • Le pre-condizioni per fare un buon digital marketing turistico

  • Il percorso per definire il piano di marketing digitale integrato

  • La fase di analisi: chi fa cosa

  • Dagli obiettivi di business a quelli di web marketing

  • Come identificare il web marketing mix e  definire i singoli obiettivi

  • Dalla strategia al piano di lavoro del digital marketing

  • Le aree del web marketing: descrizione, obiettivi tipici e logiche di attivazione

  • Analisi di casi concreti per evidenziare gli errori più comuni e le modalità per prevenirli

Per iscriversi gratuitamente al dotFlorence Lab del 22 Marzo (max 3 iscritti per azienda), compilate il seguente form:

Articolo a cura di Edoardo Bini – speaker dotFlorence Lab 22 Marzo
0