Lab 29 Gennaio 2020 – Presentazione Opportunità finanziamenti europei (anche a fondo perduto)!

Fondi Europei 2020

Fra il 2019 e il 2020 abbiamo avuto l’opportunità di realizzare per i nostri clienti 3 progetti di alto profilo (valore medio €20.000) finanziati dall’Unione Europea e possiamo quindi confermare l’efficacia di questa misura strutturale di sostegno alle imprese europee da parte dell’UE.

I 3 progetti che abbiamo realizzato sono stati finanziati in misura variabile (con importi intorno al 50% del totale dell’investimento)..

In occasione del Lab del 29 Gennaio 2020 abbiamo convocato come speaker Andrea Fato, uno dei massimi esperti di finanziamenti europei (e nostro collaboratore), che illustrerà tutte le opportunità di finanziamento per le imprese che vogliono investire e crescere nel mondo digital.

Sarà un’occasione davvero importante per conoscere le opportunità offerte da questa misura UE che ha come principale obiettivo la diffusione delle competenze digitali nelle imprese di tutto il continente.

Vi suggeriamo quindi di non perdervi lo speech (di circa 20 minuti) dedicato a questo tema che può davvero impattare in modo decisivo sulla crescita della vostra azienda!

Per iscriversi, sempre gratuitamente, questo il link:
29 Gennaio 2020 – Turismo Digitale MMXX (clicca per accedere al form di iscrizione)

Articolo by Marco de la Pierre & dotFlorence Lab team

4+

29 gennaio 2020 – Web marketing turistico per affrontare da veri guerrieri del Web la Season MMXX!

Quando: 29 Gennaio 2020 (ore 15-18)
Dove: Auditorium The Student Hotel Florence
Target: Imprenditori hospitality (b&b, hotel, ville, agriturismi), guide turistiche, wedding planner
Docenti: Marco de la Pierre, Paolo Ramponi, Marco Boni, Marco Nicosia
Aziende partner: dotFlorence SrlFull-PriceStrategy PlusKeesy, Florence Chic Apartments)
Cosa offriamo: contenuti pratici, emozionali, inspirational per dare una botta di vita ai principali KPI (Tasso di occupazione, Tasso di disintermediazione, RevPar, Valore azienda, Soddisfazione cliente) delle imprese  turistiche partecipanti.
Costo: FREE!
Per iscriversi: Clicca qui!

Il primo Lab del 2020 (MMXX Edition) creato dal team di dotFlorence in partnership con Full-Price e Strategy Plus  ha – come sempre – l’obiettivo di diffondere la cultura digital presso tutti gli imprenditori turistici della Toscana e d’Italia.

Nel corso del 2020 organizzeremo come sempre un Lab gratuito al mese. La novità di quest’anno è che a Novembre organizzeremo un super evento di 2 giorni denominato “Turismo Digitale 2020” in collaborazione con i migliori professionisti del settore .

Turismo Digitale 2020 avrà un taglio molto pratico che permetterà ai partecipanti di approfondire in modo diretto ed esperienziale la conoscenza dei principali strumenti di web marketing turistico (analytics, semrush, lighthouse, strumenti di revenue management, produzione contenuti: copywriting, foto, video, definizione piano strategico, etc) per poter migliorare la gestione delle strategie della nostra impresa turistica e per raggiungere i 7+3 obiettivi di ogni imprenditore turistico (RevPar, Fatturato, Automatizzazione, Soddisfazione cliente, Espansione, etc).

Il primo Lab Free dell’anno si terrà presso The Student Hotel di Firenze (il miglior esempio di Ospitalità Ibrida d’Europa) il 29 Gennaio 2020 dalle 15 alle 18 in Auditorium.

Questi alcuni dei temi che verranno trattati in occasione del Lab:

1. Trend Turistici 2019-2020: opportunità e minacce di questa folle epoca!
2. I principali eventi di settore 2020: fiere, eventi di formazione cui non di dovrebbe mancare!
3. Novità SEO 2020
4. Novità Local SEO 2020
5. Revenue Management Extra Alberghiero: come gestire al meglio un inventario eterogeneo con un approccio massivo

I docenti saranno Marco de la Pierre, Paolo Ramponi, Marco Nicosia, Marco Boni, Luca Parri

Il programma più completo e dettagliato verrà pubblicato nei prossimi giorni, vi consigliamo comunque di iscrivervi subito perchè i posti a sedere – come sapete – esauriscono sempre molto presto!

Per iscriverti GRATUITAMENTE al Lab del 29 Gennaio 2019 clicca qui:
DOTFLORENCE LAB 29 GENNAIO 2019 – Workshop in Alta Formazione Digital Marketing

 Articolo by Marco de la Pierre & dotFlorence team

5+

Guadagnare bene con gli affitti brevi Airbnb? 7 consigli preziosi!

E’ possibile guadagnare bene con gli affitti brevi Airbnb e magari riuscire a farne un business?

Il mercato degli affitti a breve termine in Italia continua a evidenziare utili positivi, e questo nonostante l’offerta di appartamenti turistici stia registrando numeri da record in tutto il paese! Stiamo assistendo ad un vero e proprio boom delle locazioni turistiche, e naturalmente Firenze non fa eccezione

Gli appartamenti ad uso turistico sono una fonte di reddito sicura per il proprietario, che rimarrà sempre in possesso del proprio bene e che potrà contare su guadagni certi, contro quelli potenzialmente rischiosi derivanti da inquilini che sono in affitto per periodi troppo lunghi.

Affitti Turistici Airbnb, un mercato da oltre 5 miliardi di Euro!

l’Italia è ai primi primi posti tra i paesi che hanno registrato i maggiori benefici economici (oltre 5 miliardi di euro solo nel 2018!) proprio grazie ai flussi turistici generati da Airbnb, colosso della sharing economy e ormai ai vertici delle maggiori piattaforme online insieme a Booking.

Ma è davvero possibile ottenere ottimi guadagni dagli affitti brevi e gestire le locazioni con successoPer poter raggiungere performance di alto livello e quindi garantire ai proprietari un reddito che sia costante nel tempo, tutto il lavoro di gestione degli appartamenti dovrà essere impostato all’insegna della massima qualità e professionalità. 

Da un lato, il settore turistico extra alberghiero è in netta espansione e diventa sempre più forte e dall’altro, però, ogni singolo appartamento fa sempre più fatica a mantenere alte le proprie performance; questo è dovuto ad uno sbilanciamento tra la domanda e l’offerta. Ecco perché diventa fondamentale il ruolo di una gestione altamente professionale.

Tutte le fasi relative alla gestione degli alloggi ad uso turistico dovranno essere svolte in modo professionale; prima, durante, e dopo il soggiorno dei viaggiatori. Si tratta di un lavoro a tempo pieno, che richiede molta attenzione e capacità specifiche. 

E’ importante puntualizzare, tuttavia, che il guadagno relativo ad un appartamento destinato agli affitti brevi, dipenderà anche da fattori oggettivi, ovvero indipendenti dalla qualità del lavoro di gestione. La posizione dell’immobile avrà un ruolo fondamentale, così come la sua metratura ed il numero di ospiti che l’alloggio sarà in grado di accogliere, e anche il fatto di godere di proprietà intrinseche, quali, ad esempio, una terrazza con vista, un giardino, dei soffitti affrescati, o elementi di valore storico.

7 consigli preziosi per aumentare le entrate dagli affitti brevi

Ciò premesso, ecco una lista di consigli o punti fondamentali sui quali concentrarsi per riuscire a massimizzare i guadagni provenienti dalla gestione di locazioni turistiche, tutti fattori che sicuramente andranno ad incidere sulla rendita.

1) Appartamenti originali ed unici 

La parola d’ordine è personalizzare! Nell’allestire un appartamento per destinarlo agli affitti turistici, l’arredamento dovrà essere studiato ad hoc; sono tantissimi gli annunci di appartamenti nuovi, moderni, belli e dalle tonalità chiare e rilassanti, ma freddi ed impersonali.

Per essere davvero competitivi e farsi notare tra migliaia di annunci online, l’alloggio dovrà davvero differenziarsi dalla “massa”, essere unico e particolare, in modo da offrire un soggiorno non convenzionale, che si faccia ricordare in quanto legato all’esperienza localeSarà quindi importante personalizzare l’arredamento e lo stile della casa, creando caratteristiche uniche.

Ad esempio, un’idea per un appartamento a Firenze potrebbe essere quella di dar vita alla Casa dei Ritratti; basti pensare agli splendidi ritratti della famiglia Medici esposti agli Uffizi!

Si potranno abbellire le pareti con bellissimi ritratti, optare per uno stile moderno ma in armonioso contrasto con mobili ed oggetti d’antiquariato dal fascino senza tempo; e per i tessuti optare per colori quali l’azzurro o il dorato che troviamo nella Sala dei Gigli a Palazzo Vecchio. 

Leggi tuttoGuadagnare bene con gli affitti brevi Airbnb? 7 consigli preziosi!

4+

11 Dicembre 2019: Digital Renaissance for Hospitality Managers (ovvero Lo Zen e l’arte della manutenzione della propria strategia digitale)

Quando: 11 Dicembre 2019 (ore 15-18)
Dove: Auditorium The Student Hotel Florence
Target: Imprenditori hospitality (b&b, hotel, ville, agriturismi), guide turistiche, wedding planner
Docenti: Marco de la Pierre, Paolo Ramponi, Marco Boni, Marco Nicosia
Aziende partner: dotFlorence SrlFull-PriceStrategy PlusKeesy)
Cosa offriamo: contenuti eccellenti con taglio pratico per migliorare sin da subito i principali KPI (tasso di occupazione, tasso di disintermediazione, RevPar, valore azienda) delle imprese partecipanti.
Costo: FREE!
Per iscriversi: Clicca qui!

In quanto fondatore di una delle più importanti web agency italiane specializzate nel settore dell’hospitality sento la necessità di condividere con tutti gli imprenditori turistici italiani alcune riflessioni sul tema del Digital Marketing.

corso web marketing turismo firenzeOgni imprenditore di hospitality sa bene che oggi non si può prescindere dal web per gestire e per far crescere la propria attività. 

Troppo spesso però – nonostante ogni impresa dipenda in modo pressoché totale dalla propria strategia di web marketing – mancano le basi per comprenderne le dinamiche e per poter quindi gestire al meglio la presenza online della propria attività turistica.

In occasione dei nostri corsi spesso chiediamo al pubblico in aula quanto frequentemente visitano l’account Google Analytics associato al loro sito.

IL SONDAGGIO…

Le risposte sono varie (e direi, destabilizzanti):

A) Un buon 20% non capisce la domanda (e quindi non insistiamo).
B) Un 70% sa di cosa si tratta (almeno lo ha sentito nominare) ma non è in grado di ricordare alcun dato (unique visitors, bounce rate, referrals, nationalities, conversione rate, etc..) associato alla propria attività.
C) Un 7-8% afferma di loggarsi in analytics almeno una volta a settimana ed è in grado di dire quanti sono gli unique visitors del proprio sito mese su mese e anno su anno.
D)
Infine, un mitico 2-3% afferma (con giusto e meritato orgoglio!) di entrare in analytics ogni giorno (“in modo quasi ossessivo…”) ed è in grado di rispondere a domande da cintura nera del web marketing quali: il tasso di rimbalzo del proprio sito, le pagine più visitate, le keywords più richieste, il tasso di conversione e via così in un crescendo di goduria collettiva…(o almeno noi – in quanto nerd delle stats – si gode…)

Il risultato di questi sondaggi ci fa capire che le competenze digital degli imprenditori turistici sono spesso minimal.

appartamento-affitto-firenze-centroAvendo io stesso gestito in prima persona un’attività turistica (appartamenti turistici in centro a Firenze) so bene che la maggior parte del tempo dell’imprenditore di hospitality è assorbito dalla routine quotidiana: check-in, check-out, customer care, gestione pulizie e biancheria, aggiornamento prezzi e disponibilità, registrazione ospiti, pagamento tasse di soggiorno, manutenzione ordinaria e straordinaria della struttura, gestione dei proprietari e delle relazioni con il condominio, etc., etc…e ovviamente si arriva a fine giornata e il tempo (e la voglia) di controllare i principali KPI digitali della nostra attività sono ovviamente tendenti a zero.

CASA DI CARTA VS GOOGLE

Tornato a casa, dopo una dura giornata di lavoro, l’imprenditore di hospitality, messo di fronte alla difficile scelta fra:

1) accedere a https://analytics.google.com/analytics/ per analizzare i trend del giorno e del mese del proprio sito web
e
2) loggarsi in https://www.netflix.com/ per scoprire se davvero sia possibile derubare il Banco de España..

spesso – diciamocelo – non ha grossi dubbi.

Una delle conseguenze di questa scelta è che – di fatto – affidiamo quasi completamente il digital marketing alle OTA (che sono naturalmente ben felici di svolgere questo compito visto che – come sappiamo – trattengono una percentuale compresa fra il 15% e il 25% per ogni prenotazione andata a buon fine)

Come ribadito in tutti i nostri corsi, uno degli 8 obiettivi dell’imprenditore turistico è proprio l’incremento del tasso di disintermediazione. Ottimizzare questo KPI significa risparmiare migliaia di Euro in commissioni ogni anno.

TATTICA VS STRATEGIA

– Gestire il day by day, la routine della nostra attività ricettiva significa gestire la sua fase tattica con un orizzonte temporale di breve periodo.

– Avere una vision ed un piano per incrementare il tasso di disintermediazione significa implementare una strategia digitale di medio lungo periodo.

CONOSCENZA = POTERE

Per poter migliorare il tasso di disintermediazione è necessario però partire dai fondamentali.

In occasione del Lab dell’11 Dicembre verranno illustrati quali sono i principali KPI (unique vis., %bounce, Revpar, %conv, SEO Audit, page speed, national., etc)  da tenere sotto controllo per poter avviare un percorso virtuoso di consapevolezza della propria digital strategy che porti ad un incremento costante e duraturo nel tempo delle performance del proprio sito web.

Uno degli obiettivi di queste lecture è sottolineare il concetto di co-produzione nella relazione fra web agency (erogatore servizio) e impresa turistica (fruitore del servizio). Per poter raggiungere risultati soddisfacenti non è possibile relegare ogni responsabilità alla propria web agency dimenticandosi completamente del digital side della nostra impresa.

A meno che non paghiate migliaia di Euro al mese alla vostra web agency (cosa che peraltro già fate con le OTA) non è proprio possibile delegare ogni aspetto del vostro digital marketing ad un’agenzia web.

Anche voi dovete essere in prima linea nella definizione della vostra strategia digitale.

E’ necessario quindi:

a) individuare gli obiettivi del vostro piano di comunicazione digitale
b) selezionare i KPI da monitorare
c) conoscere i
principali strumenti web che vengono utilizzati dalle web agency in modo da poter valutare anche il loro lavoro e contribuire a migliorarlo

Co-produzione significa che anche voi potete (dovete!) giocare un ruolo fondamentale nel processo di disintermediazione e per farlo consapevolmente, proattivamente e con successo è necessario che anche voi siate coinvolti nelle diverse fasi.

Dal momento che conoscenza = potere l’obiettivo del nostro ciclo di workshops e di lectures sarà proprio l’empowerment dell’imprenditore di hospitality che grazie al monitoraggio costante di pochi ma decisivi KPI potrà migliorare le proprie performance online.

Per continuare il vostro percorso virtuoso di Digital Renaissance vi invitiamo caldamente a non perdervi l’ultimo dotFlorence Lab di Dicembre 2019.
Ci vediamo dunque l’11 Dicembre 2019 at the Auditorium of The Student Hotel of Florence!

A seguire, come sempre…Lab goes to Pub per un brindisino di fine anno (e per fare 2 chiacchere in allegria con gli speakers e con gli altri membri della dotCommunity!)

Per iscriversi – gratuitamente come sempre – cliccate qui:
LAB 11 DICEMBRE 2019 @ THE STUDENT HOTEL

Articolo di Marco de la Pierre – dotFlorence Lab

5+

dotFlorence Lab 11 Dicembre 2019 – L’insostenibile leggerezza del Digital Marketing per il turismo

Quando: 11 Dicembre 2019 (ore 15-18)
Dove: Auditorium The Student Hotel Florence
Target: Imprenditori hospitality (b&b, hotel, ville, agriturismi), guide turistiche, wedding planner
Docenti: Marco de la Pierre, Paolo Ramponi, Marco Boni, Marco Nicosia
Aziende partner: dotFlorence SrlFull-PriceStrategy PlusKeesy)
Cosa offriamo: contenuti eccellenti con taglio pratico per migliorare sin da subito i principali KPI (tasso di occupazione, tasso di disintermediazione, RevPar, valore azienda) delle imprese partecipanti.
Costo: FREE!
Per iscriversi: Clicca qui!

DOTFLORENCE LAB 2019Algoritmi, Emozioni, Adwords, Experiences, OTA, Facebook Ads, Instagram Stories, TripAdvisor, Google my Business, SEO e Local SEO,  Cookies, KPI, ROI, Revenue Management, Unique Visitors...tutto si mescola e si rincorre nella nostra mente quando si parla di Digital Web Marketing per l’Hospitality.

In occasione del Lab dell’11 Dicembre 2019 daremo il nostro contributo per provare a fare ordine e rendere la nostra comunicazione sempre più efficace, coerente e consistente.

Sarà l’ultimo lab del 2019 e daremo – come sempre – il massimo!

PROGRAMMAdotflorence Lab 11 Dicembre 2019
ore 15,00-15,45 di Marco de la Pierre
L’insostenibile leggerezza del web marketing dell’hospitality.
Proiezione di video emozionali legati al mondo dell’hospitality.

Seguirà dibattito (si scherza eh…)

ore 15,45-16,30 di Paolo Ramponi
Qualcuno sostiene che il SEO sia morto! La verità vi prego sul SEO.
Il nostro Guru ci aggiornerà su tutte le novità SEO 2019-2020. Impossibile perdersele (anche perchè non ci sono molti Guru del SEO a giro per il mondo pronti a condividere tutto il loro sapere..)

————————16,30-16,45 – Coffee Break————————

ore 16,45 – 17,20 di Marco Boni
Una notte d’inverno un viaggiatore. Il digital journey del vostro cliente target.
Marco Boni con il suo savoir-faire tecnologico ci guiderà alla scoperta dei diversi touch point digitali del nostro tipico cliente web.

ore 17,20 – 18,00 di Marco Nicosia
Il revenue come competenza strategica di ogni impresa turistica.
Il Pricing è l’unica P del Marketing Mix (Product, Placement, Promotion, Price) che genera ricavi.
Direi che obbligatorio focalizzarsi a palla su questa competenza! O no?

Ci vediamo l’11 Dicembre at The Student Hotel di Firenze! 😉
Impossibile mancare.

Per iscriversi – gratuitamente come sempre – cliccate qui:
LAB 11 DICEMBRE 2019 @ THE STUDENT HOTEL

Articolo di Marco de la Pierre – dotFlorence Lab

3+