16 Ottobre 2019 – Grande evento di formazione inspirational per imprenditori turistici!

Quando: 16 Ottobre 2019 (ore 15-18)

Dove: Auditorium The Student Hotel Florence

Target: Imprenditori hospitality

Docenti: Marco de la Pierre, Paolo Ramponi, Marco Boni, Marco Nicosia

Aziende partner: dotFlorence SrlFull-PriceStrategy Plus

Costo: FREE!

Cosa offriamo: contenuti eccellenti con taglio pratico per migliorare sin da subito i principali KPI (tasso di occupazione, tasso di disintermediazione, RevPar, valore azienda) delle imprese partecipanti.

Il 16 Ottobre 2019 si parlerà di Zeitgeist, Hospitality, Strategia e Comunicazione Digitale…
Ah…. ganzo, cioè?
Cioè… il nostro team di professionisti  tratterà il tema del web marketing da diversi punti di vista partendo dalla classica divisione delle 4 P (Product, Placement, Promotion, Price) e analizzando nel dettaglio le diverse tattiche e strategie per impostare, gestire e sviluppare una comunicazione efficace e vincente del proprio prodotto e servizio nel mondo digital (che poi è l’unico che conta).

I relatori saranno ben 5, quindi l’evento sarà simile ad un evento TED, con molto ritmo e con un’alta concentrazione di idee e spunti che nelle nostre intenzioni vogliono essere fonte di ispirazione continua per il futuro degli imprenditori turistici che parteciperanno all’evento.

1° P: PRODOTTO/SERVIZIO
di Marco de la Pierre
Introduzione al “Service concept”: qual è l’essenza del servizio turistico che state offrendo al mercato?
Se siete proprietari di un Hotel, di un B&B, di un Agriturismo gli elementi  tangibili che state offrendo sono un tetto, un letto, una camera, un bagno, una colazione. Siete sicuri che le aspettative del vostro potenziale cliente  coincidano con quello che pensate sia la vostra offerta? Cosa si aspettano veramente i clienti/turisti dal vostro servizio?
Una volta definite le reali aspettative dei clienti, come è possibile tradurle in marketing per realizzare una comunicazione davvero efficace con il proprio target di riferimento?

2° P: PROMOZIONE
di Marco de la Pierre

Per capire meglio questo concetto verranno presentati video di campagne di comunicazione realizzate in diversi settori, i casi presentati in particolare saranno: IKEA, Amazon, Università Ilinois, AirBnb, British Airways e Hotel Pulitzer…

3° P: PLACEMENT/DISTRIBUZIONE
di Paolo Ramponi
Il SEO è morto? In un contesto nel quale le OTA sembrano spadroneggiare nel mercato, ha ancora senso investire nel SEO? Ma poi…cos’è oggi esattamente il SEO?
La risposta a queste scottanti domande ce le darà Paolo R. con il supporto di numeri e statistiche che dimostrano chiaramente che il SEO oggi è….(dovete venire al Lab per conoscere la risposta!)

di Alberto Lombardi
Alberto è un ex dipendente di un’importantissima multinazionale americana che per molti anni ha girato il mondo nel suo ruolo di dirigente aziendale.
Nel 2018  ha deciso di cambiare vita creando una sua start up turistica. Fin da subito è stato chiaro che il successo della sua nuova attività (e della sua nuova vita) sarebbe dipeso da algoritmi che non aveva mai considerato in vita sua.
All’improvviso parole come OTA, SEO, Social, Ads erano entrate nella sua vita. Nella sua lecture al lab del 16 Ottobre ci racconterà la sua esperienza e le sue emozioni di questi primi mesi  e ci racconterà in particolare il ruolo del SEO nella sua nuova vita da start-upper.

di Marco Boni
Non di solo SEO si campa, a volte serve un aiutino del fratello SEM (Search Engine Marketing o, per capirsi, di Google Adwords).
Come e quando utilizzare Adwords?
Quanto è giusto spendere?
E’ possibile gestirlo in autonomia o è sempre bene affidarsi ad un professionista (almeno in una fase iniziale)?
E quanto ci costa – nel caso – un professionista?
A tutte queste domande darà una risposta il mitico Marco B.

4°P: PRICING (DINAMICO)
di Marco Nicosia
Gran finale con Marco N. uno degli astri nascenti del settore Revenue Management in Italia che con la sua azienda “Full Price” gestisce il pricing di migliaia di immobili in tutto il mondo.
Con il suo stile spumeggiante e ironico ci accompagnerà alla scoperta dei segreti della 4° P del Marketing Mix (l’unica P – peraltro – che non genera costi ma ricavi!) .

Come avrete capito è un altro evento imperdibile made in dotFlorence.

Il corso è free e aperto a tutti gli imprenditori . Solo 90 posti disponibili. Per iscriversi GRATUITAMENTE, as usual:

4+

CORSO SEO PREMIUM – 24 e 25 Gennaio 2020 (di Paolo Ramponi)

paolo ramponi seo dotflorence
Paolo Ramponi, SEO Rider 2019

I 10 più comuni errori SEO tecnici, risolvibili con una buona e costante SEO Audit…

Articolo di Paolo Ramponi (nella top ten dei SEO Riders Italiani)

L’ottimizzazione di un sito web è un processo complicato, perchè le carte in tavola vengono cambiate spesso e senza preavviso. Di conseguenza nessun risultato di posizionamento organico è da considerarsi permanente.

L’auditverifica dello stato di salute del vostro sito –  include decine di controlli e richiede conoscenze diverse (tecniche e umanistiche) per un continuo aggiornamento e una  continua revisione.

Di seguito vi elenco alcuni errori ‘vecchi’ e ‘nuovi’ cioè generati a seguito degli ultimi core update dell’algoritmo di Google. 

  1. Index Management: ottimizzare il crawl budget (risorse di scansione dedicate da Google al tuo sito) Usa rel canonical, noindex tag. Detta così sembra una espressione in aramaico. semplifichiamo con un classico: apri la home di Google e nella search box digita:
    site:tuonome.com
    Se all’ultima pagina appare questo messaggio
    corso-seo-google-2019

 

 

 

 

C’è da lavorare (e sui siti non di ultima generazione è quasi sicuro che questo succeda!).

2. Localization: HREFLang

Il tag rel alternate hreflang è ormai fondamentale per i siti multilingua.
Quindi ti devi occupare di questo se il tuo sito è multilingua e se offre contenuti targettizzati per mercati diversi.

<link href=”https://www.tuosito.com/” rel=’canonical’ />
<link rel=”alternate” hreflang=”en” href=”https://www.tuosito.com” />
<link rel=”alternate” hreflang=”de” href=”https://www.tuosito.com/de/” />
<link rel=”alternate” hreflang=”it” href=”https://www.tuosito.com/it/” />
<link rel=”alternate” hreflang=”fr” href=”https://www.tuosito.com/fr/” />
e poi volendo all’infinito
<link rel=”alternate” hreflang=”en-en” href=”https://www.tuosito.com/en-en/” />
<link rel=”alternate” hreflang=”de-de” href=”https://www.tuosito.com/de-de/” />
<link rel=”alternate” hreflang=”it-it” href=”https://www.tuosito.com/it-it/” />
<link rel=”alternate” hreflang=”fr-fr” href=”https://www.tuositor.com/fr-fr/” />

Già analytics vi mostra già le metriche relative:

 

 

 

 

 

 

Possiamo e dobbiamo guidarlo, gestirlo, aggiornarlo… mi raccomando!

3. Keyword Cannibalization
Questa è facile, succede
quando hai più pagine sul tuo sito in competizione per le stesse parole chiave. Evitiamo, please!

4. Over Optimized Anchor Text
Ovvero Low Quality a href, testo al quale è collegato un link (sia interno che esterno)…

Sono considerate irrilevanti le ancore con oltre 100 caratteri, a meno che non si tratti di un URL lungo. Altre ancore di bassa qualità sono in lingua diversa rispetto a quella del sito e con simboli.

Per la cronaca google classifica gli anchor solo in questi pochi tipi…:

Branded: un testo di ancoraggio che include il nome del tuo marchio o una leggera variazione.

Generic: un’ancora che utilizza un termine generico e non include il marchio, ad esempio: “clicca qui“, “leggi di più” o “visita il sito“.

Image: un collegamento privo di ancoraggio viene generalmente mostrato come vuoto.

Miscellaneous: un’ancora che non si qualifica come generica, ma che non è altrimenti correlata al sito Web. Lo spam nei forum e nei commenti classico esempio.

Low Quality: un’ancora di oltre 100 caratteri è generalmente un’ancora irrilevante a meno che non sia un URL lungo. Un’altra ancora di bassa qualità è una lingua diversa e con simboli.

Targeted: un’ancora che include il termine esatto o parziale per il quale stai cercando di classificare, efficace per ottenere classifiche ma con un rischio maggiore di attivare un filtro di Penguin sul tuo sito.

Topical: un’ancora sull’argomento, ma che non include il termine designato. Ad esempio, un sito affiliato che recensisce le “migliori scarpe da corsa” potrebbe includere ancore di attualità come: “allenamento sano“, “brucia molte calorie” o “sport ad alto impatto“.
Ah, la semantica web…!

URL: questo è probabilmente il più ovvio, ma le ancore che sono URL nudi come “esempio.com” e “https://esempio.com” contano come URL.

Leggi tuttoCORSO SEO PREMIUM – 24 e 25 Gennaio 2020 (di Paolo Ramponi)

3+

24-25 Gennaio 2020 @ The Student Hotel – FORMAZIONE PREMIUM: WEB MARKETING PER IL TURISMO: 11 STEPS + 1 PER IL SUCCESSO DI UN’IMPRESA TURISTICA

Quando: 24-25 Gennaio 2020
Dove: Auditorium The Student Hotel Florence
Target: Imprenditori hospitality 
Docenti: Marco de la Pierre, Paolo Ramponi, Marco Boni, Marco Nicosia
Cosa offriamo: contenuti eccellenti con taglio pratico per migliorare sin da subito i principali KPI (tasso di occupazione, tasso di disintermediazione, RevPar, valore azienda) delle imprese partecipanti.
Costo: 190€+Iva (incluso materiale cartaceo, 4 coffee break, 2 pranzi)
Costo Early Bird (fino al 30 Settembre 2019): €98,00+Iva

lab premium 2019

Il 24-25 Gennaio 2020 si terrà presso lo Student Hotel uno dei più importanti eventi di formazione di web marketing per l’hospitality.
L’evento è rivolto a gestori di B&B, agriturismi, appartamenti turistici e boutique hotel di tutta Italia.

Questa 2 giorni di alta formazione sarà organizzata dal team del dotFlorence Lab e i docenti che interverranno sono tutti esperti del settore con esperienza pluriennale nel mondo dell’hospitality digitale.
Questi alcuni dei nomi dei docenti: Marco de la Pierre, Paolo Ramponi, Marco Boni, Marco Nicosia (più altri special guests che presenteremo nei prossimi giorni).

Approccio “inside-out” della formazione:
i contenuti erogati durante il corso terranno conto delle reali esigenze degli imprenditori ed il linguaggio, gli esempi, gli esercizi e gli strumenti consigliati sono pensati per essere facilmente fruiti da un pubblico che – seppur esperto del settore hospitality – non è necessariamente esperto del settore del marketing e della comunicazione digital.
L’approccio è definito inside-out perchè tutti i temi sono trattati dal punto di vista degli imprenditori con l’obiettivo di migliorarne sin da subito l’operatività e le performance in termini di risultati e di fatturato.
Nel corso delle 16 ore di formazione verrà data massima rilevanza a tutti gli aspetti più pratici della comunicazione digital di un’impresa turistica.

I principali obiettivi di un imprenditore turistico sono:
incrementare il tasso di occupazione e prezzo medio della struttura (in una parola il RevPar)
ottimizzare costi (e risultati) grazie alla selezione dei migliori strumenti offerti dal mercato (booking engine, channel manager, revenue management tools, SEO Audit, monitoraggio stats, gestione account business – social e Adwords, etc)
– disporre di strumenti per poter selezionare e valutare i professionisti del digitale (web agency, free lance, revenue manager, SEO expert, Social Media Manager) che lo affiancano nel corso dell’anno
ottimizzare la risorsa tempo correlata con tutte le operazioni sopra elencate automatizzando le principali funzioni digital
– comprendere quali siano le 11 azioni (+1) fondamentali per ottenere oggi il successo nel business dell’hospitality

Alla fine dell’evento ogni partecipante sarà in grado di:

  1. compilare il business plan in one page della propria struttura
  2. scrivere la propria Unique Value Proposition (alla fine del corso tutti ne avranno una!)
  3. comprendere il valore di impostare una strategia digitale di medio-lungo periodo
  4. definire i principali touch point della propria struttura (e allinearne la comunicazione)
  5. impostare il piano editoriale della propria struttura
  6. comprendere i principi alla base di una strategia di Revenue Management vincente
  7. leggere il SEO Audit del sito della propria struttura (verrà fornito SEO Audit personalizzato a tutti i partecipanti) e comprendere i principi che regolano le azioni SEO (posizionamento e indicizzazione di un sito)
  8. comprendere il potenziale delle azioni di local SEO
  9. attivare i profili social business associati alla propria struttura per gestire campagne pay per click di Advertising in Google, FaceBook, Instagram e Linkedin.
  10. comprendere i principi della comunicazione visuale (foto, video, loghi, font, cartaceo…) per potersi presentare al meglio su tutti i canali di vendita
  11. conoscere il potenziale degli strumenti messi a disposizione gratuitamente da Google (Gmail, Drive, Analytics, Search Console, Lighthouse..) per migliorare sensibilmente le performance del proprio lavoro
    +
  12. comprendere il valore dell’avviamento della propria struttura ricettiva attraverso l’analisi dei principali KPI associati alla gestione del nostro business turistico.

    Coffee break e pranzi inclusi nel costo dell’iscrizione!

    Per non perdersi l’evento di formazione più cool dell’anno, iscrivetevi qui:
 

 

4+

dotFlorence Lab 19 Giugno 2019 – Fondi Europei, Experience, Revenue Management!

Quando: 26 Giugno 2019 (ore 15,00-18,05)
Dove: Auditorium The Student Hotel Florence
Docenti: Marco de la Pierre, Marco Boni, Silvia Poponcini, Marco Nicosia
Costo: Free!
Sponsor: DotFlorence Web Agency, Full-Price, Keesy

PROGRAMMA del Super Summer Lab 2019!

Il dotFlorence lab Summer Edition 2019 sarà come sempre molto inspirational grazie alla partecipazione di docenti con molta esperienza di insegnamento e consulenza in settori quali:

1. Finanza Agevolata, Bandi Europei e Nazionali
2. Turismo Esperienziale e certificazioni di qualità;
3. Revenue Management

Abbiamo deciso di organizzare questo dotFlorence lab con focus sui finanziamenti nazionali ed Europei perchè  – come Web Agency – possiamo confermare direttamente l’efficacia di questi bandi che attualmente finanziano molti dei progetti ai quali stiamo lavorando.
Forse non tutti sanno che i vari fondi dedicati all’innovazione nel mondo Digital arrivano a finanziare – a fondo perduto – importi che arrivano fino al 50% del costo totale del progetto. Un’opportunità quindi davvero interessante che come imprese (e come sistema Paese) non dovremmo lasciarci sfuggire!

Dal momento che moltissimi fondi previsti per la Toscana e per l’Italia in generale non vengono spesi per mancanza di progettualità (e forse anche di comunicazione) crediamo che sia nostro dovere diffondere le informazioni su questo tema. L’obiettivo è far sì che la maggior parte delle imprese Toscane e Italiane possa utilizzare questi fondi (evitando così che tornino a Bruxelles!) per finanziare progetti Digital per comunicare al mondo l’eccellenza dei nostri prodotti e servizi.
Se siete interessati a questo tema non potete mancare al Lab di Mercoledì 26 Giugno 2019!

PROGRAMMA

Ore 15,00-15,05
Marco de la Pierre
Intro giornata formativa, presentazione temi e docenti

Ore 15,05-15,55
Marco Boni
Panoramica sulla finanza agevolata e panoramica bandi ed enti;
Bando Innovazione, Bando Export, Bando Sabatini, Voucher Digitalizzazioni, Macchinari 4.0
Panoramica altre tipologie di finanziamento a tasso : Invitalia e Consorzi
Panoramica Crediti di Imposta: Ricerca e Sviluppo.

Ore 15,55-16,35
Silvia Poponcini
Presentazione Progetto Quality Made (progetto finanziato con fondi europei e nazionali) per la certificazione delle imprese turistiche a vocazione culturale.
Presentazione del disciplinare e del marchio.
Le aziende certificate con il marchio Quality Made sono accumunate da un forte radicamento nel territorio di appartenenza, da una grande attenzione alle peculiarità della cultura locale, all’ambiente e alle persone. Le imprese Quality Made offrono prodotti e servizi di alta qualità dalla decisa connotazione “artigianale e territoriale”

Ore 16,35-16,45
Coffee Break!

Ore 16,45-18,05
Marco Nicosia
Revenue Management, Experience e Marketing di Destinazione;
Importanza della Brand Reputation e del concetto di identità e Unique Value Proposition;
Il ritocchino (in alto) del costo delle commissioni dele OTA (il caso Airbnb, Booking, TripAdvisor e Viator..);
Le commissioni sugli extra (Miami farà scuola?);
Chatbot e sistemi gestionali per le vendite ancillari (Travel, Edgar, House Manual);
L’automatizzazione dell’ upselling per il settore Hospitality.

Ci vediamo il 26 Giugno 2019 @ the Student Hotel (Auditorium)!

Per iscriversi gratuitamente (as usual):

Articolo by Marco de la Pierre
2+

dotFlorence Lab 20 Marzo 2019 – Dal Marketing Mix al Revenue Management per l’Hospitality!

Quando: 20 Marzo 2019
Orario: 15-18
Dove: Auditorium The Student Hotel
Docenti: Marco de la Pierre, Carlo Tognozzi, Marco Nicosia
Costo: free!

In occasione del lab del 20 Marzo 2019 (@ Auditorium The Student Hotel) approfondiremo insieme le basi del Marketing Mix: Product, Placement,Promotion, Price declinandole per il mondo dell’Hospitality.

Cosa si intende per Marketing Mix?

Il termine marketing mix indica la combinazione di variabili controllabili (dette “leve decisionali“) di marketing che le imprese impiegano per raggiungere i propri obiettivi. Il marketing mix è alla base del cosiddetto marketing operativo e, tramite la combinazione delle leve di marketing, sottende al raggiungimento di obiettivi di breve e medio termine di un’impresa turistica.

Le variabili che tradizionalmente costituiscono il marketing mix sono le cosiddette 4P (in inglese four Ps) teorizzate da Jerome McCarthy e riprese in seguito da molti altri:

Product: prodotto
Il prodotto (Product) è il bene o servizio che si offre in un mercato per soddisfare determinati bisogni dei consumatori. La più importante leva decisionale di marketing che riguarda il prodotto è la politica di brand management.
In occasione del Lab vedremo come il concetto di Prodotto nel settore dell’hospitality sia indissolubilmente legato al servizio.
Riuscire a comunicare al meglio a livello visuale il nostro prodotto (struttura+i servizi offerti) è di fondamentale importanza e per questo al lab del 20 Marzo 2019 abbiamo chiamato Carlo Tognozzi,  uno dei migliori fotografi toscani specializzato nel settore hospitality che illustrerà quali devono essere le caratteristiche di un servizio fotografico efficace.

Price: prezzo
Il prezzo (Price) è il corrispettivo in denaro che il consumatore è disposto a pagare per ricevere un determinato bene o servizio. Esistono varie politiche di pricing che un’impresa può attuare, in funzione degli obiettivi che l’impresa si propone:

  • la scrematura del mercato (skimming pricing)
  • la penetrazione nel mercato (penetration pricing)
  • la diversificazione dei prezzi (segment pricing)

Il prezzo è l’unica leva di marketing mix che, oltre a generare costi, è in grado di generare ricavi e, pertanto, risulta sempre più essenziale curarne la fissazione. Peraltro al fianco della dinamica della fissazione del prezzo (ossia della determinazione dell’ammontare di esso) il marketing mix si occupa anche delle politiche di prezzo definendo, quindi, i medesimi prezzi a seconda degli scopi per cui essi vengono posti in essere: prezzi di scrematura, prezzi di penetrazione, prezzi psicologici ecc…
In occasione del lab del 20 Marzo 2019 non poteva quindi mancare Marco Nicosia, ovvero il super titano del Revenue Management che approfondirà le tematiche legate alle strategie di pricing dinamico per il mondo dell’hospitality!

Place: punto vendita
La Distribuzione (Place) è l’insieme di attività necessarie a far giungere un determinato prodotto al consumatore finale, attraverso i vari touch point digitali, quali:
– il nostro sito web
– le OTA (Booking, Expedia, AirBnB, HomeAway, etc)
– le UGC (TripAdvisor, Yelp, Google My Business)
– i motori di ricerca (SERP, Maps, etc)
blog proprietari o di terze parti
guide turistiche online e offline.
Sappiamo esattamente dove è pubblicata nostra attività turistico-ricettiva? Stiamo tenendo sotto controllo tutti i touch point attraverso i quali i nostri potenziali clienti possono trovarci? Siamo in grado di selezionare i canali più efficaci per distribuire il nostro prodotto-servizio?
Il Business Canvas in One Page come sempre ci viene in soccorso e in quest’occasione insieme a Marco de la Pierre lo analizzeremo dal punto di vista del marketing mix per l’hospitality.

Promotion: promozione o comunicazione (di marketing) La Promozione (Promotion) è l’insieme di attività volte a promuovere, pubblicizzare e far conoscere al mercato un’azienda o un suo determinato prodotto o servizio.La domanda di turismo sta crescendo negli ultimi anni ad un tasso del 3%-4% anno su anno.
E questa è un’ottima notizia.
Il problema è che l’offerta di strutture ricettive (appartamenti turistici, B&B, Hotel, Ostelli, etc) sta crescendo con un ritmo ancora maggiore e quindi la concorrenza sta aumentando sempre più.
I B&B competono con gli Hotel che a loro volta competono con gli appartamenti turistici che a loro volta competono con gli ostelli…
Per poter emergere è necessario creare un brand, avere una Unique Value Proposition accattivante, conoscere il nostro target, definire strategie di comunicazione differenziate B2C e B2B e per canali Owned, Earned, Paid.
Dobbiamo avere un logo riconoscibile , foto emozionali, testi coinvolgenti, video empatici, usabilità top, call to action.
E ogni touch point del digital journey del nostro potenziale cliente deve essere costellato di recensioni, recensioni e ancora recensioni.
Ovunque.

Per approfondire le tematiche delle 4P e metterle in relazione con il marketing della vostra attività e con le performance di revenue management non potete proprio perdervi il lab del 20 Marzo 2019!

Per iscriversi – gratuitamente – compilate il form che trovate di seguito:

The future is Bright!Ci vediamo il 20 Marzo 2019 (ore 15-18) @ The Student Hotel!
Articolo di Marco de la Pierre (dotFlorence.com team)
4+