Due Chiacchiere con … Gabriella Ganugi, Presidente di FUA-AUF e la bambina che contava le formiche

FUA AUF

Continua il percorso delle interviste “extra-community” e la prossima protagonista è Gabriella Ganugi ‘la bambina che contava le formiche‘ e Presidente di FUA-AUF, Istituto di Istruzione Superiore che accoglie ogni anno – nelle sue 7 sedi dislocate nel centro storico di Firenze – migliaia di studenti provenienti dagli Stati Uniti (ma anche da oltre 40 paesi del mondo) 겨울 왕국 ost mp3. FUA-AUF è uno degli Istituti internazionali presenti a Firenze di maggior successo, per questo motivo ho ritenuto importante organizzare un’intervista con la sua Presidente (e fondatrice!) per permettere a tutti di conoscere questo modello vincente di istruzione superiore radicato nel cuore della nostra città 다운로드.

Ecco le sue risposte in forma integrale, buona lettura!

1 케로로 액션히어로 다운로드. FUA-AUF Quando è iniziata questa avventura?
Sono trentacinque anni che mi occupo di international education. Ho lavorato come Resident Director per un college americano negli anni ’80 온디맨드코리아 영상 다운로드. Negli anni ’90 ho lavorato per una scuola di lingua e in 12 anni l’ho trasformata in un college.
Nel 1997 ho fondato Apicius International School of Hospitality, la prima istituzione accademica superiore di Hospitality Management in Italia Abb download. Offrivamo corsi di uno, due e tre anni e poco study abroad.

Nel 2004 ho fondato FUA-AUF per ragioni soprattutto curricolari e dopo pochi anni Apicius e FUA si sono fusi in un’unica istituzione accademica 컴백 7.0 다운로드. FUA-AUF adesso ha 9 scuole, incluso quella di Hospitality.

2. MISSION: Enriching students through Cultural Integration, Community Engagement, and Experiential Learning 다운로드. Ci puoi spiegare il significato della mission di FUA-AUF?FUA AUF
L’integrazione con la cultura locale e il coinvolgimento degli studenti internazionali con la comunità sono il nostro obiettivo 다운로드. Abbiamo creato ed elaborato un sistema di istruzione esperienziale basato su entità non profit: i CEMI, Community Engagement Member Institutions 다운로드. I CEMI sono le vetrine di FUA-AUF nella città, dei veri e propri laboratori didattici, delle aule aperte al pubblico.

Abbiamo un ristorante, una pasticceria, una SPA, una struttura ricettiva, una casa editrice, un negozio di moda, due gallerie d’arte, un laboratorio interattivo per giovani imprenditori windows 7 internet explorer 8. Sono tutti non-profit e raccolti dalla fondazione Palazzi.
Con il nostro modello gli studenti imparano velocemente conoscenze/competenze senza la classica divisione aula-lavoro e i risultati sono eccellenti. Il nostro metodo è efficace anche con studenti con learning disabilities e i learning outcomes sono altissimi rispetto alle metodologie tradizionali.

FUA AUF3. Quali sono i numeri di FUA-AUF: quante università coinvolte, quanti studenti, quanti programmi in un anno prima del coronavirus?
Abbiamo accordi con più di 140 università nel mondo. Riceviamo circa 4000 studenti all’anno da oltre 40 paesi diversi.

4. Perché Firenze è una città così attrattiva per il mondo “Study Abroad”?
Perché è iconica, rappresenta l’Italia, l’arte, lo stile di vita dell’immaginario internazionale e allo stesso tempo è piccola, sicura, amica.

5. Laurearsi alla FUA-AUF vuol dire avere una laurea riconosciuta?
Si, la laurea FUA-AUF è riconosciuta negli USA attraverso un accordo con una partner university. Non solo, tutti i corsi FUA-AUF (oltre 500 in catalogo) ricevono crediti statunitensi.
D’altra parte il riconoscimento è solo un accessorio. C’è la reputazione, la chiara fama, che non ha necessità di riconoscimento. Senza voler azzardare paragoni illustri, vorrei menzionare l’esempio di Oxford University, università di fama mondiale che non ha alcun accreditamento.

Leggi tuttoDue Chiacchiere con … Gabriella Ganugi, Presidente di FUA-AUF e la bambina che contava le formiche

5+

Due Chiacchiere con .. Matteo Gazzarri, Creative Art Director di Riprese Firenze e Woodcraft Master

Riprese Firenze

Questa nuova rubrica, iniziata a metà aprile, ha già fatto un bel percorso e tramite essa sono cresciuta sia a livello umano sia a livello creativo. Ascoltare gli altri, cercare di interpretare il senso delle loro parole, suggerire un’espressione o un’immagine è un’esperienza bella e appagante e ho deciso, unitamente al board di dotFlorence e Turismo Digitale, di allargare il panorama dei protagonisti a cui offrire la possibilità di un’intervista. In questa ricerca mi sono imbattuta in Matteo Gazzarri, Creative Art Director di Riprese Firenze e woodcraft master 다운로드!

Leggere le risposte di Matteo ti permette non solo di scoprire un mondo davvero affascinante come quello di creare contenuti visual per brand, aziende e privati ma di imparare qualcosa di fondamentale come le fasi che precedono un processo creativo.

Ma andiamo a scoprire di più su Matteo e sulla crew di Riprese Firenze!

Riprese Firenze1 앙스타 노래 다운로드. Ciao Matteo, iniziamo dalle formalità, ti presenti?
Ciao, io sono Matte, o Gazza se preferite, in pochi usano il mio nome di battesimo completo, neanche mia mamma. Ho 35 anni e una grande passione per la comunicazione e le storie, non solo come oggetti del pensiero con cui raccontiamo fatti ma come strutture attraverso le quali interpretiamo la realtà. Lavorativamente sono stato tante cose: un giornalista radiofonico, un tecnico delle luci in teatro, un regista di eventi live e ovviamente un filmmaker 다운로드. Oggi sono un Creative Art Director, mi occupo di creatività e impostazione visiva di progetti di comunicazione, soprattutto in ambito video. Come Hobby suono l’ukulele e faccio cucchiai di legno, ma questa è un’altra storia.

2. Ho visto il vostro sito, spiato in tutti gli angoli e letto il blog, ma vorrei che ci raccontassi tu come nasce il progetto Studio Riprese Firenze …
Sono entrato a far parte dello studio accogliendo l’offerta di Niccolò Di Vito, socio e “partner in crime” di molte avventure.
Nasciamo come molte altre società ma credo sia più importante provare a spiegarti il “perché” più del come. Siamo entrambi ossessionati dalla comunicazione video e convinti che il video è, oggi più che mai, lo strumento con il quale raccontare storie, di ogni tipo, ma anche e soprattutto per il business 다운로드. Il nostro credo è sempre stato quello di fare video utili, creare cioè prodotti comunicativi che servano al cliente che ce li commissiona per migliorare il suo dialogo con il proprio pubblico di riferimento (e in ultima analisi con i suoi clienti). Siamo partiti in 2, ora siamo in 6, domani speriamo di conquistare il mondo a colpi di creatività.

3. Per scaldarci un po’ prima di entrare nel vivo dei video e della costruzione delle vostre “storie” vorrei sapere quali sono gli aspetti che ti piacciono di più del tuo lavoro e quelli, se ci sono, che ti piacciono di meno?
Sono un indomabile curioso e mi annoio facilmente, il mio lavoro ha di bello che mi aiuta in entrambi gli aspetti 다운로드. Mi dà l’opportunità di conoscere tante persone, tanti luoghi e di ascoltare tante storie, di confrontarmi con molte e diverse esigenze di comunicazione, problemi o obiettivi a cui cercare di dare risposte. É difficile annoiarsi facendo tutto questo.

Una parte che mi piace meno è che servono tante energie, lucidità, prontezza di pensiero ma anche di azione, come ad esempio sul set. Il nostro lavoro è per buona parte risoluzione di problemi e imprevisti. Non ti nego che a volte mi piacerebbe stancarmi un po’ meno, ma se ci tieni è difficile staccarsi una volta che sei in ballo, è un prezzo da pagare Winxp download.

4. Quali sono gli step fondamentali per costruire un progetto di comunicazione video?
E’ una domanda con un respiro davvero ampio, provo con un breve decalogo:
Ascolto: bisogna capire cosa vuole chi hai davanti, le sue richieste, i suoi obiettivi.
Analisi: capire la storia del tuo cliente, la sua unicità o quella del suo progetto o prodotto
Studio: cosa c’è già nel mondo della comunicazione di simile, cosa ha successo, perché. Dove deve posizionarsi il progetto, online? su quali social? offline? in una fiera? per la comunicazione interna di un’azienda?
Creatività: per noi sempre un mix di verticale e orizzontale, nel team qualcuno lancia un’idea, insieme la sviluppiamo 다운로드. Ci sono molti modi per farlo ma non posso rivelarti la ricetta 🙂
Progettazione: significa mettere su carta il progetto, qualsiasi idea, campagna video o fotografica deve funzionare ancora prima di essere realizzata. Deve farti dire “wow” e possibilmente non “è proprio quello che mi aspettavo” ma piuttosto “a questo non avevo pensato”.

Da qui in poi c’è la produzione fatta di tante bellissime parole inglesi mutuate dal cinema: Storyboarding, scouting location, casting, styling e poi finalmente lo shooting 숫자송 mp3 다운로드. A volte siamo in 4 a volte in 20, anche questa variabile è divertente, non esiste uno standard di produzione, ogni progetto è diverso.

5. Collaborando con una web agency so che è assolutamente fondamentale il rapporto che si crea con il cliente per riuscire a realizzare un sito che rappresenti al meglio la vision dell’azienda, le foto e le immagini hanno un ruolo fondamentale ma da sole non sono sufficienti. Nella creazione di uno spot le immagini vanno accompagnate dai contenuti testuali, da una voce narrante, dalla scelta di brani musicali e da una regia che metta insieme tutti gli elementi al fine di creare un vero e proprio film breve… Quanto influisce il rapporto con il cliente per la buona riuscita di un video e quanto pesano la vostra creatività, la vostra esperienza personale e la vostra sensibilità 다운로드?

Sono tutti fattori che hanno il proprio peso; nel portare avanti quegli step che ti dicevo sopra cerchiamo di creare un rapporto con il cliente, da parte nostra c’è ascolto, da parte sua speriamo fiducia. Anche qui si parla di un rapporto che prima di tutto è umano quindi sensibilità ed esperienza sono importanti. Spesso quando si affronta un progetto di comunicazione i clienti non sanno quello che vogliono, o vogliono troppe cose, o vogliono cose che per esperienza sappiamo che non funzioneranno, ma noi non portiamo “la verità” portiamo la nostra visione, se diventi nostro cliente vuol dire che questa visione creativa ti ha convinto, quindi siamo già un passo avanti.

6. Parliamo del video che ha fatto sognare un po’ tutti e ha rappresentato un fantastico esempio di content marketing in tempo di crisi 무료 장기 다운로드. Mi racconti com’è nata questa bellissima idea?

To Humans from Florence è un progetto a cui tengo molto, perché è quella che chiamerei una creatività libera, è una cosa che come singolo e come studio abbiamo deciso di fare perchè ci credevamo e lo volevamo fare per noi e per la città in cui viviamo e che amiamo (non a caso la portiamo anche nel nostro nome).
L’idea è nata mettendo insieme tante piccole intuizioni. Il lockdown era una situazione senza precedenti, ci costringeva a vivere chiusi in casa, ad abbandonare le nostre città, le piazze del nostro bel paese erano deserte, vuote, silenziose. Ma questo lo vedevano e lo raccontavano già tutti. Ho iniziato a chiedermi se Firenze era davvero deserta, se qualcuno era rimasto in queste piazze vuote.
E’ qui che sono arrivate le statue. Abbiamo deciso di provare a cambiare punto di vista, se noi abbiamo abbandonato la città abbiamo abbandonato anche David, Biancone, Perseo, li abbiamo lasciati soli. Chissà che cosa penseranno? Come vivono questo momento? gli manchiamo? Loro che vivono un tempo diverso dal nostro e ne hanno viste tante che cosa possono o vogliono dirci?
Il video è la risposta a tutte queste domande, oltre che una dedica alla bellezza sconfinata di Firenze.

Leggi tuttoDue Chiacchiere con .. Matteo Gazzarri, Creative Art Director di Riprese Firenze e Woodcraft Master

3+

Due chiacchiere con …Laura Rontani, l’Ancora della salvezza!

Ancora del Chianti

Torniamo fuori città, per la precisione 20 km da Firenze e 40 km da Siena, per andare a fare due chiacchiere con la nona protagonista della nostra rubrica: Laura Rontani, imprenditrice e proprietaria di Ancora del Chianti Bed & Breakfast e Art Yoga Retreat in Tuscany ma non solo … 전산회계 다운로드.

Ecco le risposte di Laura in forma integrale, buona lettura!

Ancora del Chianti1 캡쳐원 스타일 다운로드. Presentati con le tue generalità (nome cognome, età, luogo di nascita)
Laura Rontani nata a Firenze 49 anni fa e ho vissuto nell’immediata periferia fiorentina in campagna, prima di trasferirmi in città dopo gli studi 다운로드.

2.Presenta la tua impresa/struttura/missione/ecc.
L’Ancora del Chianti nasce 20 anni fa quando dalla città mi trasferisco in campagna sulle colline intorno a Greve in Chianti insieme al mio compagno 스팀 무한 다운로드. La proprietà e i campi erano abbandonati da diversi anni: così da subito ci dedichiamo alla ristrutturazione della casa principale, l’oliveta e alla vigna con grande energia ad entusiasmo 윈도우7 화면보호기 다운로드. Una volta pronti con le prime camere, il progetto è passato completamente nelle mie mani mentre il mio compagno intraprende un suo percorso lavorativo al di fuori dell’azienda legato a sviluppo locale e sostenibilità ambientale e cura la vigna e l’oliveta nel tempo libero 다운로드.

Nel tempo, insieme all’arrivo di 2 pargoli, sono stati riconvertiti anche i 2 fienili e realizzato il giardino: adesso il bed & breakfast dispone di 8 camere totali con una sala per eventi, meeting, soggiorni d’arte e ritiri yoga e… osu 비트맵. in famiglia siamo in 4: un bel correre!!! In questi 20 anni, tanti ospiti da tutto il mondo sono venuti a trovarci e molti di loro tornano ogni anno. Per loro e per la nostra famiglia abbiamo voluto creare un ambiente accogliente e semplice dove vivere un’esperienza serena, scoprire le bellezze del territorio, seguire le proprie passioni, rigenerarsi e ritrovare se stessi nella natura e nel silenzio 아쿠아맨 다시보기 다운로드.

3.Perché hai deciso di fare questo lavoro?
Tutta colpa (o merito) di una vacanza in un paese lontano…Da sempre ho coltivato la passione per l’ospitalità, i viaggi e le lingue straniere ma mai avrei immaginato che tutto questo potesse diventare un lavoro 다운로드! Già dal 1992 ho avuto la possibilità di viaggiare spesso grazie a scambi casa e scambi ospitalità – campionessa di sharing economy della prima ora 다운로드! – poi con una laurea in economia e commercio e 4 lingue, inizio il mio percorso lavorativo prima nel commerciale estero della Richard Ginori e poi nelle vendite di un hotel 5 stelle lusso di Firenze.

Ancora del ChiantiMa è durante un viaggio zaino in spalla in un paese esotico che mi ritrovo a proporre al mio compagno una pazzia: mollare tutto e iniziare un’avventura insieme in campagna, stravolgendo completamente le nostre abitudini cittadine e soprattutto per me anche lavorative – dalle stelle alle stalle sul serio! – per dedicarmi a una attività tutta mia che permettesse di restare in contatto con una dimensione internazionale, vicina ai nostri valori di accoglienza e autenticità, dove poter esprimere e condividere le nostre passioni: natura, arte, sostenibilità.

4.Quali sono gli aspetti che ti piacciono di più del tuo lavoro?
Ci sono tanti aspetti che mi piacciono del mio lavoro……innanzitutto il rapporto con l’ospite – dal primo contatto mail o telefonico al …suo ritorno all’Ancora, la parte creativa – la ricerca continua di ciò che può migliorare l’attuale spinge a entrare in contatto con mondi nuovi e imparare nuove abilità – e la possibilità di trascorrere momenti speciali di condivisione – soprattutto da quando abbiamo la sala e ospitiamo gruppi che soggiornano per corsi intensivi di pittura, meditazione, yoga, etc. ho spesso il piacere di dipingere o partecipare alla pratica mattutina insieme a loro: momenti davvero gratificanti di autentica condivisione.

Leggi tuttoDue chiacchiere con …Laura Rontani, l’Ancora della salvezza!

3+

21 Maggio ore 15: “Incontriamo Giancarlo Carniani (DJ, General Manager, Direttore di Albergo)”

Giancarlo Carniani - Arresti Domiciliari
“Arresti Domiciliari” – La trasmissione radiofonica di Giancarlo Carniani durante il lockdown 2020

Giancarlo Carniani, general manager di To Florence Hotels  è una vera e propria leggenda del mondo alberghiero fiorentino (e Italiano) e – grazie al suo approccio aperto e curioso verso tutte le innovazioni in campo tecnologico e digitale – è uno dei massimi esperti mondiali del settore del turismo e dell’hospitality adobe 글꼴 패키지 다운로드.

In queste ultime settimane il Direttore Giancarlo Carniani si è presentato al pubblico del web nella sorprendente veste di Dj (tra l’altro di razza, diciamolo!) e con le sue dirette radiofoniche (registrate dai locali vuoti del suo Plaza Hotel Lucchesi) ha sorpreso tutti rendendo più lievi, divertenti e interessanti le lunghe serate del lockdown 2020 찬송가 mp3 다운로드.

Una sorpresa talmente piacevole che in occasione del nostro webinar di giovedì prossimo proveremo a convincerlo a continuare! (sicuramente ha già promesso che appena l’hotel riaprirà farà una diretta dalla terrazza dello splendido Plaza Hotel Lucchesi – evento imperdibile!) 음악 노래 다운로드.

Ma torniamo al Carniani classico, ovvero il Direttore d’Albergo innovativo e visionario che tutti noi conosciamo 전우치 전 다운로드.
Negli ultimi anni abbiamo letto molti articoli e approfondimenti sul vasto tema dell’hospitality ma dobbiamo confessare che abbiamo ancora oggi ben impresso nella mente proprio un articolo di Giancarlo Carniani pubblicato  in OfficinaTuristica.com nel Dicembre  2016  in occasione del lancio internazionale di Airbnb Experience nel Novembre 2016 다운로드.
Queste le sue parole:

“Io c’ero al loro evento di Los Angeles. Una kermesse in pieno stile new economy con tanto di ospiti VIP (Ashton Kutcher, Gwynet Paltrow) e concerti (Maroon 5), e con una presentazione delle nuove ‘Experiences’ di Brian Chensky figlia diretta (anche troppo) della presentazione dell’Iphone nel 2007 di Steve Jobs.
Non so se, come dicono, riusciranno a cambiare il mondo, di sicuro stanno però spingendo il mio di mondi (quello dell’hotellerie) a scuotersi dal torpore in cui è stato per molto tempo.”

Con questo suo articolo Giancarlo Carniani aveva l’obiettivo di “risvegliare” la categoria degli ‘albergatori’ dal loro decennale torpore, conseguenza diretta di gloriosi decenni di crescita ininterrotta.
Carniani invitava tutti a valutare in modo costruttivo e propositivo il discorso di Brian Chensky (CEO di Airbnb) sul cosiddetto “modello Airbnb”.

Leggi tutto21 Maggio ore 15: “Incontriamo Giancarlo Carniani (DJ, General Manager, Direttore di Albergo)”

3+

Due Chiacchiere con … Stefano e Milly, superhost e founders di Guestamore!

guest amore

L’ottava intervista della nostra rubrica è dedicata ad una giovane coppia di imprenditori, Stefano e MillySuperhost su Airbnb, che per facilitare alcuni aspetti della locazione breve, hanno dato vita al progetto “guestamore”, una webapp, una specie di ibrido tra sito internet e app mobile (me l’hanno suggerita, eh!), dove offrono uno spazio online per presentare e descrivere la proprietà, ma non solo …

Ecco le loro risposte in forma integrale, buona lettura 주택관리사 동영상 다운로드!

1. Presentatevi con le vostre generalità (nome cognome, età, luogo di nascita)
guest amoreStefano Sartoni, di Firenze, ingegnere e imprenditore nelle telecomunicazioni 팩토리오 다운로드. Milagros Villalta, Perù, architetto e graphic designer.

2. Presentate la vostra impresa/struttura/missione/ecc 다운로드.
Siamo una start up appena costituita, guestamore, che si occupa di comunicazione e servizi legati all’ospitalità extra-alberghiera 다운로드.

Offriamo agli host uno spazio online per presentare e descrivere la proprietà ai futuri ospiti, per fornire loro tutte le informazioni di cui hanno bisogno durante il soggiorno: dal check in, alle istruzioni per elettrodomestici fino ai suggerimenti per i ristoranti e le attività dell’area circostante 다운로드.

3. Come funziona il servizio?
guest amoreDopo l’iscrizione al servizio, che abbiamo reso gratuito e senza impegno fino al 2021, l’host ha a disposizione esempi già compilati, librerie di immagini, testi e un editor per modificare e personalizzare le informazioni, i colori, le immagini, ha la possibilità di inserire video, link, luoghi sulle mappe; quando è pronto, si può pubblicare online e guest amorecondividerlo con gli ospiti tramite un link dedicato 다운로드. L’ospite lo fruirà online dal telefono come un sito web, senza uso di app. La personalizzazione e l’utilizzo di contenuti grafici sono gli elementi distintivi del servizio mp3 공짜.

Per i contenuti e la grafica ci siamo concentrati su Firenze, ma stiamo già realizzando le grafiche dedicate ad altre città 다운로드.

4. A proposito di contenuti, ne avete creati alcuni relativi alla situazione Covid?
Certo 아이튠즈 노래 다운로드. Lo spirito del nostro servizio è proprio quello di aiutare l’host nel suo lavoro di accoglienza; quindi ora che c’è l’esigenza di rassicurare gli ospiti in merito alle procedure di disinfezione, pulizia, protocolli e stiamo creando una sezione speciale del template di esempio, con immagini e testi dedicati spss amos.

5. Il vostro progetto ha subito modifiche a causa del Covid?
Il nostro servizio si rivolge al mondo del turismo ed è appena stato lanciato; abbiamo già una guestamoredecina tra privati, B&B e property manager che lo hanno adottato. La necessità del distanziamento sociale ha messo in crisi il settore e questo non ci ha agevolato, ma sta crescendo l’esigenza di avere servizi online che consentano la gestione degli ospiti a distanza, con meno contatti diretti, e questo, in un’ottica imprenditoriale, potrebbe invece avvantaggiarci.

Siamo comunque ottimisti e determinati ad andare avanti col progetto, come lo sono molti hosts e aziende, che abbiamo avuto l’occasione di sentire in questo periodo. Ed è per questo che scommettiamo sulla ripresa del settore: il servizio era proposto con una formula in abbonamento (per un anno) e, invece, abbiamo deciso di renderlo gratuito almeno fino a maggio 2021, senza nessun tipo di vincolo; dopo gli hosts saranno liberi di decidere se continuare o meno con la webapp.

Leggi tuttoDue Chiacchiere con … Stefano e Milly, superhost e founders di Guestamore!

2+