VOUCHER DIGITALIZZAZIONE PMI 2018 – Info Finanziamenti

Riportiamo di seguito le info per accedere ai finanziamenti destinati alla digitalizzazione delle PMI Italiane 2018. Da leggere con attenzione!

VOUCHER DIGITALIZZAZIONE
ART. 6 comma 1 – D.L. 145/2013 – DESTINAZIONE ITALIA
MISURE PER FAVORIRE LA DIGITALIZZAZIONE E LA CONNETTIVITA’ DELLE PMI E PER LO SVILUPPO DI INIZIATIVE IMPRENDITORIALI LEGATE AD INTERNET

FINALITÀ

Favorire la digitalizzazione dei processi aziendali e l’ammodernamento tecnologico sviluppando la domanda di servizi relativi all’ICT delle PMI, nell’ottica di accelerare il perseguimento degli obiettivi dell’Agenda Digitale.

BENEFICIARI

PMI1:

▪ con sede legale e/o unità locale attiva sul territorio nazionale, iscritte al Registro delle Imprese ed operanti in tutti i settori di attività (ad eccezione della produzione primaria di prodotti agricoli, pesca ed acquacoltura);
▪ non sottoposte a procedura concorsuale e non in stato di fallimento, di liquidazione anche volontaria, di amministrazione controllata, di concordato preventivo o in qualsiasi altra situazione equivalente secondo la normativa.

INTERVENTI AMMISSIBILI

Miglioramento delle prestazioni tecnologiche finalizzate all’accrescimento del business aziendale, anche attraverso la vendita on-line di servizi e prodotti (e-commerce) e la promozione sul web.

SPESE AGEVOLABILI

Spese per l’acquisto di software, hardware e servizi di consulenza specialistica strettamente finalizzati alla digitalizzazione dei processi aziendali – da sostenersi successivamente allapubblicazione del provvedimento di assegnazione del voucher ed ultimarsi entro 6 mesi dalla pubblicazione del provvedimento medesimo – che consentano:
a) il miglioramento dell’efficienza aziendale (digitalizzazione dei processi);
b) la modernizzazione dell’organizzazione del lavoro, tale da favorire l’utilizzo di strumenti tecnologici e forme
di flessibilità, tra cui il telelavoro;
c) lo sviluppo di soluzioni di e-commerce (hw e sw, inclusi i software specifici per la gestione delle transazioni
on-line e per i sistemi di sicurezza della connessione di rete, e servizi di consulenza finalizzati allo sviluppo di
soluzioni e-commerce);
d) la connettività a banda larga e/o ultralarga: sono ammissibili, purché strettamente correlate agli ambiti di
attività di cui alle lettere a), b) e c), le spese di attivazione del servizio sostenute una tantum, con esclusivo

1
riferimento ai costi di realizzazione delle opere infrastrutturali e tecniche, quali lavori di fornitura, posa, attestazione, collaudo dei cavi, e ai costi di dotazione e installazione degli apparati necessari alla connettività a banda larga e ultralarga;
e) il collegamento alla rete internet mediante la tecnologia satellitare, attraverso l’acquisto e l’attivazione di decoder e parabole nelle aree dove le condizioni geomorfologiche non consentano l’accesso a soluzioni adeguate attraverso le reti terresti o laddove gli interventi infrastrutturali risultino scarsamente sostenibili economicamente o non realizzabili;
f) la formazione qualificata, nel campo ICT, del personale delle PMI, purché attinenti fabbisogni formativi strettamente correlati agli ambiti di attività di cui alle lettere a), b), c), d) ed e). Gli interventi formativi dovranno essere rivolti al personale delle imprese beneficiarie (titolari, legali rappresentanti, amministratori, soci, dipendenti) risultante dal registro delle imprese o dal libro unico del lavoro.

AGEVOLAZIONE

Contributo a fondo perduto sotto forma di voucher, concesso nella misura massima del 50% del totale delle spese ammissibili, per un importo non superiore a 10.000 euro.
Nel caso in cui l’importo complessivo dei voucher concedibili sia superiore all’ammontare delle risorse disponibili, è previsto il riparto dei fondi in misura proporzionale tra i richiedenti.

REGIME E CUMULABILITA’

De minimis ex Reg. (UE) n. 1407/2013.
Cumulabilità esclusa (consentita con misure non qualificabili come Aiuti di Stato, i.e. super ed iper ammortamento).

TEMPISTICHE E PROCEDURE PRESENTAZIONE

Le domande devono essere presentate esclusivamente tramite la procedura informatica accessibile nell’apposita sezione “Voucher digitalizzazione” del sito internet del Ministero, con firma digitale.
L’iter di presentazione della domanda è articolato nelle seguenti fasi:
a. compilazione della domanda, a partire dalle ore 10.00 del 15 Gennaio 2018:
1) accesso alla procedura informatica;
2) immissione delle informazioni richieste per la compilazione della domanda e caricamento dei relativi
allegati;
3) generazione del modulo di domanda sotto forma di “pdf” immodificabile, contenente le informazioni e
i dati forniti dal soggetto proponente, e successiva apposizione della firma digitale;
4) caricamento della domanda firmata digitalmente e conseguente rilascio del “codice di predisposizione
domanda” necessario per l’invio della stessa;
b. invio della domanda, a partire dalle ore 10.00 del 30 Gennaio 2018 e fino alle ore 17.00 del 9 Febbraio 2018:
1) accesso alla procedura informatica;
2) immissione del “codice di predisposizione domanda” costituente formale invio della domanda;
3) rilascio da parte della piattaforma informatica dell’attestazione di avvenuta presentazione della
domanda, recante il giorno, l’ora, il minuto e il secondo di acquisizione della medesima e il suo codice

2
identificativo.
Ciascun soggetto proponente può presentare un’unica domanda.
Entro 30 giorni dalla chiusura dello sportello per la presentazione delle domande, il Ministero pubblicherà un provvedimento cumulativo di prenotazione dei voucher su base regionale, contenente l’indicazione delle imprese beneficiarie e l’importo dell’agevolazione prenotata.

RENDICONTAZIONE E EROGAZIONE

La richiesta di erogazione – completa di documentazione rendicontativa – deve essere presentata, tramite procedura informatica, entro 30 giorni dalla data di conclusione del programma.
Entro 60 giorni dal ricevimento della richiesta di erogazione il Ministero provvede a verificare la regolarità e la completezza della documentazione presentata, ad accertare l’avvenuto pagamento a saldo delle spese rendicontate ed a verificare la vigenza e la regolarità contributiva dell’azienda beneficiaria.
L’erogazione del voucher avviene in unica soluzione successivamente alla valutazione svolta dal MISE.

STANZIAMENTO

100 milioni di euro2 ripartiti tra le Regioni in misura proporzionale al numero delle imprese registrate presso le Camere di Commercio, di cui:
▪ 67,46 milioni di euro a valere sul Fondo per lo sviluppo e la coesione (FSC) 2014-2020 per le Regioni del Centro-Nord
▪ 32,54 milioni di euro a carico del Programma operativo nazionale (PON) “Imprese e competitività” 2014- 2020 per le regioni meno sviluppate e in transizione: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sicilia, Sardegna.

Per info per poter accedere a questi finanziamenti contattate il nostro staff:

DotFlorence Srl
Piazza della Vittoria 6, 50129 Firenze
tel. +39 055 362181 / mob. +39 320 2989613
info@dotflorence.com

3+

Lascia un commento