Un matrimonio perfetto , please !

Inviano e-mail, chiamano via skype, telefonano, mandano fax da tutta la Toscana ma anche dagli Stati Uniti, dalla Scozia, dall’Olanda, dalla Gran Bretagna per trovare la location adatta alle nozze o per fare richieste imprevedibili. Come vestirsi tutti di rosso per la cerimonia o come chiedere di avere Dragoni danzanti per li ricevimento in stile Cinese..

Wedding Planners in Tuscany, ItalyOrganizzare un matrimonio perfetto in Toscana?  Basta un semplice click in rete e il gioco è fatto.  E’ arrivata la “ Wedding planner mania”. Ovvero la pianificazione del matrimonio da parte di agenzie specializzate nel settore, che si pongono l’obiettivo di realizzare il sogno di tutte le coppie decise al grande passo. Una professione che arriva dal mondo Anglosassone ma che pian piano sta diventando realtà anche nell’Empolese-Valdelsa.

A Castelfiorentino ha aperto infatti Wedding in Tuscany di Blanc Ricevimenti. L’agenzia è fondata e gestita in prima persona da Valentina Moneglia e Elisa Puccioni (con il supporto tecnico di DotFlorence Srl), che è diventata il punto di riferimento per gli stranieri di tutto il mondo che vogliono sposarsi in Toscana o in alcune località della Liguria. Ma ultimamente sta facendo breccia anche nel cuore degli italiani.

Leggi tutto

Abat Jour eco-friendly B&B a Firenze, intervista con Paolo…

Paolo, B&B Abat Jour Firenze(Intervista realizzata da Marco de la Pierre, Responsabile Comunicazione di StudentsVille.it/DotFlorence.com)

Il B&B Abat Jour, Uno dei primi esempi di struttura ricettiva eco friendly di Firenze, per saperne di più vi invitiamo a leggere l’intervista con Paolo, gestore del B&B, e a visitare il loro sito ufficiale (il link è in fondo alla pagina..)

1) Quando è stata aperta la vostra struttura? Quante persone fanno parte dello staff?

Ho aperto Abatjour B&B nel  Giugno del 2000. la trasformazione in Eco-Friendly B&B è avvenuta circa un anno fa.
Oltre al proprietario, fanno parte dello staff due brave collaboratrici.

2) Quante camere sono presenti nella struttura? Qual’è il vostro target di riferimento (luxury, tourist, students)?

Sono disponibili 6 camere e il target di riferimento è indubbiamente la clientela turistica e, in secondo luogo, coloro che si spostano per lavoro tra i quali soprattutto coloro che necessitano di soggiornare a Firenze per prendere parte ai numerosi eventi che si svolgono alla Fortezza da Basso oppure al Centro Congressi.

3) Quanti turisti accogliete ogni anno? Quali sono le nazionalità più rappresentate (e in che percentuale, più o meno)?

Ogni anno sono centinaia i turisti che si rivolgono ad Abatjour. Tra le nazionalità più rappresentative (oltre all’Italia che la fa comunque da padrone negli ultimi due anni) indicherei gli Stati Uniti in generale ma anche l’Australia e il Canada (molto attratti dal servizio eco-friendly). Gli stati europei in generale (soprattutto Spagna e paesi dell’Est- Europa).

4) Perché consigliereste ad un turista di soggiornare in un B&B piuttosto che in Hotel? Qual è il momento dell’anno migliore per soggiornare presso di voi?

Come da tradizione il B&B è consigliabile a tutti coloro che ricercano un elevato rapporto qualità-prezzo e desiderano viaggiare ricercando e traendo soddisfazione anche dai rapporti interpersonali che necessariamente si instaurano all’interno di un B&B. Il rapporto e il servizio fornito al Cliente in un B&B è senz’altro superiore rispetto a quello di un hotel.

Leggi tutto

Intervista ad Anna, responsabile di Casa Rovai, B&B di atmosfera nel centro di Firenze…

Casa Rovai :: B&B d'atmosfera nel centro di Firenze(Intervista realizzata da Marco de la Pierre, Responsabile Comunicazione di StudentsVille.it/DotFlorence.com)

Anna è la responsabile del B&B Casa Rovai di Firenze, una struttura con un’ atmosfera davvero particolare che mi ha fatto sentire subito a casa sin dal primo momento che l’ho visitata.
Non un Hotel, non un Relais, non un Resort, non una GuestHouse.

Ma una Casa.

Per questo sono convinto che il nome Casa Rovai sia davvero azzeccato.

Altra caratteristica che distingue questo B&B dalla “concorrenza” è la qualità dello staff  che è composto da persone sinceramente affabili e competenti (e non a caso sui principali social network  turistici quando si parla di Casa Rovai ci si complimenta direttamente con le ragazze dello staff (Anna, Arianna, Beatriz…) e che permette al futuro cliente di sentirsi già un ospite benvenuto in casa dopo il primo scambio di mail…

Vediamo dunque come ha risposto la responsabile del B&B alle nostre domande sul turismo extra alberghiero a Firenze, sul webmarketing, sulle prospettive del settore….
Buona lettura!;)

1) Quando è stata aperta la vostra struttura? Quante persone fanno parte dello staff?
Casa Rovai è stata inaugurata a settembre 2005. Oltre ai due proprietari, Andrea e Anna, lavorano al B&B due persone: Arianna e Beatriz.

2) Quante camere sono presenti nella struttura? Qual’è il vostro target di riferimento (luxury, tourist, students)?
La struttura è composta da 6 stanze. Essendo un B&B, non crediamo sia adatta a un turismo di lusso, né a studenti. Ci sembra il luogo ideale per viaggiatori di qualsiasi tipo, ma il criterio attraverso il quale i viaggiatori scelgono la nostra struttura è principalmente quello di soggiornare in un hotel di charme.
Grazie alla qualità degli spazi e dei servizi offerti, può accogliere una clientela particolarmente attenta agli ambienti e agli arredi e per la quale un servizio personalizzato sia un importante valore aggiunto. Abbiamo ospitato con successo famiglie, ospiti che viaggiavano da soli  e viaggiatori di tutte le età.

3) Quanti turisti accogliete ogni anno? Quali sono le nazionalità più rappresentate (e in che percentuale, più o meno)?
Accogliamo una percentuale di turisti dell’80% sul totale. Gli altri ospiti viaggiano per lavoro o sono parenti e amici di studenti stranieri che risiedono a Firenze.
Le nazionalità più rappresentate sono: USA e Canada (40%), italiana (35%),  britannica (10%) australiana (5%), giapponese (5%), varie (5%)

4) Perché consigliereste ad un turista di soggiornare in un B&B piuttosto che in Hotel? Qual è il momento dell’anno migliore per soggiornare presso di voi?
L’accoglienza in un B&B è molto più personalizzata e calda rispetto a quella di un hotel. Abbiamo poche stanze e riteniamo che sia questo il nostro valore aggiunto.
Hotel che hanno un grosso ricambio di personale e un grande numero di stanze hanno probabilmente maggiori difficoltà a fornire un servizio personalizzato come quello che noi ci impegniamo a dare sin dal momento della richiesta di prenotazione. Aiutiamo costantemente gli ospiti a programmare il loro soggiorno, secondo le loro esigenze, con grande anticipo.
La struttura inoltre è ubicata nel cuore del centro storico: essere a cinque minuti da Piazza Duomo vuol dire non avere tempi morti di trasferimento e quindi godere di tutto il tempo che si ha a disposizione per visitare una città così ricca  di luoghi  di interesse storico-artistico come Firenze. Se si  considera che le permanenze medie non sono mai troppo lunghe,  anche questo conta nell’economia di un soggiorno.
Il quartiere che ospita casa rovai è particolarmente vivace e denso di ristoranti tipici, caffè, teatri, bar, locali dove è possibile ascoltare della buona musica.
Non è difficile quindi trovare il posto adatto alle esigenze e ai gusti più diversi per concludere la giornata  e tornare a casa in sicurezza e senza prendere mezzi pubblici, né taxi.
Pur essendo in centro, tutti gli affacci sono interni e non c’è rumore di traffico e questo garantisce ai nostri ospiti sonni tranquilli.
Sentirsi a casa non è difficile in questo b&b: è un posto dove si rimane anche volentieri per qualche ora in più a leggere in terrazza o a prendere un thè in una giornata piovosa o troppo afosa.
Il momento migliore per soggiornare da noi è sicuramente quello di bassa stagione. Le ragioni sono forse ovvie: la città non è congestionata da un eccesso di presenze turistiche e si apprezza meglio la  vita vissuta dai fiorentini. Non ci sono code ai musei, né nei ristoranti e si risparmia moltissimo. I prezzi delle nostre stanze per esempio possono ridursi fino alla metà se si soggiorna a Casa Rovai nel mesi che vanno da novembre a marzo, escluse le festività religiose e i giorni di fiera.

5) Qual è il valore aggiunto del servizio che offrite nel vostro B&B? 3 motivi per soggiornare presso la vostra struttura…
Un ottimo motivo per cui vale la pena soggiornare a Casa Rovai è che è bella, accogliente, strategicamente posizionata ma soprattutto capace di garantire un servizio di assistenza personalizzata a tutti gli ospiti dal momento in cui ci scrivono per la loro prenotazione.
Una corrispondenza spesso fitta precede l’arrivo degli ospiti che ci chiedono assistenza per organizzare la loro permanenza come meglio preferiscono, ottimizzando il loro tempo evitando per esempio sfinenti code che precedono l’accesso ai musei più visitati e arricchendo il loro soggiorno con esperienze gastronomiche adatte ai loro gusti: cerchiamo di guidarli nella scelta nel modo migliore possibile con un occhio ai prezzi dei ristoranti.
Durante il soggiorno a Casa Rovai gli ospiti possono inoltre restare in contatto con parenti e amici grazie alla connessione internet a loro disposizione nel B&B gratuitamente.
La prima colazione è un altro valore aggiunto del nostro bed and breakfast perché comprende sia piatti dolci sia salati e c’è una torta fatta in casa che riscuote sempre molto successo!

6) … e 3 motivi per visitare Firenze…
innanzitutto, consigliamo un soggiorno di almeno 3 o 4 notti a Firenze. Anche se la città è piuttosto piccola e il centro storico si percorre a piedi in poco più di un’ora, in lungo e in largo, non si ha quasi mai tutto il tempo necessario per visitare la miriade di monumenti che la città offre.
La ricchezza di beni artistici e culturali che si concentra in questa città è immensa. Si possono alternare visite a grandi gallerie come Uffizi, Accademia o Palazzo Pitti a camminate nel giardino di Boboli o altri parchi o visite a ville medicee.
Non si può fare a meno di suggerire un tour enogastronomico nella città e i suoi dintorni in trattorie, aziende agricole e enoteche per godersi una degustazione di vino, formaggi e olio nuovo.
Consigliamo una bella camminata con visita alle antiche botteghe artigiane che negli ultimi tempi sono rifiorite” (botteghe di restauro di oggetti d’arte, pelletteria, sartorie e negozi vintage di accessori moda) grazie anche al contributo di giovani stilisti e artigiani che hanno inaugurato attività in piccoli negozi nel centro di Firenze.
La zona dell’Oltrarno (a venti minuti a piedi da Casa Rovai) ospita il numero maggiore di botteghe.

7) 5 Ristoranti, 5 locali, 5 monumenti, 5 destinazioni turistiche che suggerite sempre ai vostri clienti (almeno a quelli simpatici!…)
Ristoranti: Acqua al 2, Osteria del Caffè Italiano, Trattoria Cibrèo, Pane e Vino, Il Giova e Gastone
Locali: Il Rifrullo per scoprire un angolo della città bellissimo, Caffè Sant’Ambrogio, Rexcafè, Caffetteria Florian, Caffè Cibrèo, La Cité
Destinazioni turistiche: oltre agli Uffizi, Accademia, Palazzo Pitti e Giardino di Boboli, ci piace suggerire San Miniato al Monte, Santo Spirito, S. Croce, Museo e Giardino Bardini, Museo del Bargello e Chiesa del Carmine

8 ) Quali sono i principali canali di comunicazione che utilizzate per promuovervi? Quanto conta Internet? Utilizzate anche il Web 2.0 (social network, face book, flickr, youtube)?
Internet conta moltissimo. E’ il primo canale di comunicazione. Oltre ad aggiornare costantemente il nostro sito con informazioni su eventi a Firenze e offerte speciali per gli ospiti, riteniamo che i più autorevoli siti e forum di viaggiatori siano un ottimo mezzo di comunicazione per i viaggiatori. Siamo presenti su facebook e a breve un video di presentazione di Casa Rovai sarà presente su youtube.

 9) Come si è evoluto il vostro sito negli ultimi anni?  Secondo la vostra esperienza quali sono gli strumenti fondamentali per la migliore gestione di un sito turistico?
Negli ultimi due anni abbiamo ristrutturato il sito diverse volte, aggiungendo pagine o trasformandone i contenuti per renderli più efficaci e comunicativi per chi si rivolge a una struttura ricettiva.
Un sito turistico deve contenere molti suggerimenti e informazioni per i viaggiatori e deve essere il più dinamico possibile.

10) Avete mai considerato l’idea di inserire nel vostro sito un blog con contenuti aggiornati o un video di presentazione della vostra struttura e dei vostri servizi?
Stiamo considerando l’idea perché siamo coscienti che la comunicazione principale viaggia su canali come social network e blog.

11) Potete descrivermi brevemente l’andamento delle prenotazioni presso le vostre strutture negli ultimi anni? Siete ottimisti per il futuro?
Il 2009 è stato un anno piuttosto difficile per la nostra struttura; anche i primi mesi del 2010 non ci fanno essere ottimisti sul futuro.
Siamo probabilmente in una fase di transizione verso un nuovo modo di pensare il turismo e fare viaggi (per esempio il viaggio veloce e last minute è diventato sempre più frequente) quindi dobbiamo studiare nuove strategie per ottenere risultati soddisfacenti.
Non si deve trascurare fra l’altro che in un momento di contrazione generalizzata delle presenze turistiche, della permanenza media dei turisti e di budget a disposizione di chi viaggia, si aggiunge la difficoltà derivante dal continuo aumento delle strutture ricettive sul territorio.

Visita il sito del B&B Casa Rovai: www.casarovai.it
Trova altri B&B di Firenze in  www.bedandbreakfastflorence.com by DotFlorence Srl!

Intervista ad Anna de Meo realizzata da Marco de la Pierre  (Dotflorence.com staff)

Intervista a Domenico, gestore del B&B Cimatori di Firenze….

Domenico :: Manager of Cimatori B&B di Firenze
Domenico :: Manager del B&B Cimatori di Firenze

(Intervista realizzata da Marco de la Pierre, Responsabile Comunicazione di StudentsVille.it/DotFlorence.com)

 

Domenico è il responsabile del B&B Cimatori di Firenze, un B&B situato nel cuore di Firenze che si trova ormai da anni nelle prime posizioni dei principali motori di ricerca internazionali ed è in cima a tutte le classifiche di gradimento turistico del web 2.0…Vediamo come ha risposto alla nostre domande:


1) Quando è stata aperta la vostra struttura? Quante persone fanno parte dello staff?
Ho aperto a settembre del 2000 e  ho una collaboratrice.

 2) Quante camere sono presenti nella struttura? Qual’è il vostro target di riferimento (luxury, tourist, students)?
Abbiamo 5 camere e il nostro target di riferimento è tourist in cerca di luxury

 3) Quanti turisti accogliete ogni anno? Quali sono le nazionalità più rappresentate (e in che percentuale, più o meno)?
La maggior parte degli ospiti sono americani. Il resto è rappresentato da cittadini europei, soprattutto inglesi, tedeschi e spagnoli ma anche da australiani e canadesi.

 4) Perché consigliereste ad un turista di soggiornare in un B&B piuttosto che in Hotel? Qual è il momento dell’anno migliore per soggiornare presso di voi?
Il punto di forza di un  B&B sono sicuramente l’accoglienza e il rapporto qualità prezzo. Un B&B offre la qualità dell’hotel 3 o 4 stelle ad un prezzo ragionevole con l’accoglienza e l’assistenza che solo un  amico potrebbe  riservare.

Ogni momento è quello giusto per soggiornare al Cimatori ed è sempre il momento giusto per visitare una città d’arte come Firenze;  sicuramente il nostro impegno maggiore deve essere rivolto verso i periodi autunno/inverno quando l’affluenza del turismo solitamente cala e  la concorrenza in genere, ma soprattutto i grandi hotel,  fanno un guerra al ribasso dei prezzi . Tra l’altro è proprio in questo periodo che la città si visita meglio e ci sono meno code ai musei.

5) Qual è il valore aggiunto del servizio che offrite nel vostro B&B? 3 motivi per soggiornare presso la vostra struttura…
La posizione rappresenta un vantaggio perché trovarsi a pochi minuti dalle principali attrazioni turistiche rende la visita piu’ piacevole e offre l’opportunità di vedere piu’ cose. La qualità che nasce dal continuo impegno da parte nostra di imparare e crescere grazie soprattutto ai nostri ospiti. L’accoglienza e la disponibilità nell’assistere l’ospite dal suo arrivo e per tutto il suo soggiorno riservandogli tutto cio’ che noi stessi cerchiamo quando  diventiamo turisti in vacanza nel resto del mondo.

6) … e 3 motivi per visitare Firenze…
L’arte, il cibo , il Cimatori!

7) 5 Ristoranti, 5 locali, 5 monumenti, 5 destinazioni turistiche che suggerite sempre ai vostri clienti (almeno a quelli simpatici!…)
Ristoranti:
Birreria Centrale , Trattoria da Mario, Anita, I 13 gobbi, Anita, La pentola dell’oro
Locali: Noir, Negroni, Jazz Club, Golden view Open bar, Zoe e Flo Lounge Bar .
Monumenti: Uffizi, Accademia, Bargello, Cappelle Medicee, Palazzo Medici, Museo San Marco, Palazzo Pitti e Giardini di Boboli e Cappella Brancacci.
Destinazioni turistiche: Siena e San Gimignano, Pisa e Lucca, San Miniato, Fiesole.

 8 ) Quali sono i principali canali di comunicazione che utilizzate per promuovervi? Quanto conta Internet? Utilizzate anche il Web 2.0 (social network, face book, flickr, youtube)?
Primo fra tutti il ‘passa parola’ puntando sulla  qualità del servizio che offriamo grazie alla quale fidelizziamo il cliente e otteniamo la migliore delle pubblicità. In secondo luogo, ma non meno importante, internet, usato al meglio con costanza e attenzione affiancati da professionisti del settore. Utilizziamo anche alcuni social network tra cui facebook e youtube .

9) Come si è evoluto il vostro sito negli ultimi anni?  Secondo la vostra esperienza quali sono gli strumenti fondamentali per la migliore gestione di un sito turistico?
Migliorando le caratteristiche dei contenuti seguendo passo passo l’evoluzione di internet, l’evoluzione dello stesso visitatore su web e l’aggiornamento costante dei contenuti.

10) Avete mai considerato l’idea di inserire nel vostro sito un blog con contenuti aggiornati  o un video di presentazione della vostra struttura e dei vostri servizi?
Sto attualmente prendendo in considerazione l’idea del blog mentre il video di presentazione è già presente.11) Potete descrivermi brevemente l’andamento delle prenotazioni presso le vostre strutture negli ultimi anni? Siete ottimisti per il futuro?
Nel corso degli ultimi anni sono diminuiti i turisti , aumentate le strutture e aumentati i fruitori di internet; la coincidenza di questi fattori richiede un maggiore impegno per ottenere spesso risultati minori. 
Ottimista ? Sempre ! 😉

Visita il sito del B&B Cimatori: www.cimatori.it 
Trova altri B&B di Firenze in  
www.bedandbreakfastflorence.com by DotFlorence Srl!

Intervista a Domenico Cuiuli realizzata da Marco de la Pierre  (Dotflorence.com staff)

Polimoda Fashion Institute :: Intervista con la Direttrice

Linda Loppa, Direttrice del Polimoda InstituteIntervista con la Direttrice Linda Loppa, Direttrice del Polimoda Institute di Firenze  

(Intervista realizzata da Marco de la Pierre, Responsabile Comunicazione di StudentsVille.it/DotFlorence.com)

 

1. Quando è stata fondata la scuola?
Polimoda nasce nel 1986 da Polimoda da un’iniziativa progettata e finanziata dai Comuni di Firenze e Prato, dalle associazioni imprenditoriali in collaborazione con il Fashion Institute of Tecnhology (FIT) della State University of New York.

2. Quanti studenti accoglie ogni anno?
Ogni anno oltre 950 studenti frequentano le aule di Polimoda.

3. Qual’è la provenienza degli studenti?
Il 40% degli allievi è internazionale, proveniente da tutto il Mondo, mentre del 60% di italiani il 25% circa è Toscano.

4. Perchè gli studenti scelgono il Polimoda di Firenze?
Polimoda LibraryPolimoda è sinonimo di alta qualità e di esperienza ventennale nella formazione per il sistema moda. Punto di forza dell’istituto è sicuramente lo stretto rapporto con le aziende, che consente da una parte di adattare prontamente i nostri percorsi di studio alle reali esigenze del mercato, dall’altra di facilitare l’accesso degli allievi al mondo del lavoro grazie agli stage previsti al termine dei nostri corsi e master. Siamo orgogliosi del tasso di occupazione dei diplomati, che raggiunge il 90% entro 6 mesi dalla fine degli studi.

Leggi tutto