PMS + CHANNEL MANAGER + SCHEDINE ALLOGGIATI PER GESTORI APPARTAMENTI TURISTICI!

airbnbLa rilevanza degli appartamenti ad uso vacanza o affitto breve e la crescente diffusione del cosiddetto “modello airbnb” rappresentano uno dei fenomeni più interessanti dell’attuale offerta turistica in Italia e nel mondo.

Gestire un appartamento turistico in modo imprenditoriale (ottimizzando revenue management, incrementando tasso di occupazione e fatturato, implementando quantità e qualità delle recensioni..) non è semplice soprattutto perchè la maggior parte degli host non sono professionisti del settore hospitality ma in molti casi hanno iniziato questa attività quasi “per gioco”.

L’obiettivo del dotFlorence team (perseguito costantemente attraverso i nostri workshop di Alta Formazione per imprenditori Turistici è quello di diffondere presso proprietari e gestori di appartamenti turistici skills e know-how necessari per poter gestire al meglio e con il maggior profitto possibile la propria “impresa turistica” (sì, anche un singolo appartamento deve essere considerato tale!) grazie all’utilizzo di tecniche e strumenti professionali che siano al contempo semplici da utilizzare e con un costo accessibile e proporzionato al fatturato di questa attività turistica specifica.

DotFlorence srl è un’agenzia specializzata in Digital Marketing Turistico con sede a Firenze, ed è titolare esclusiva per la Toscana della distribuzione del software #1 in Italia dedicato ai property managers di appartamenti turistici.

DotFlorence srl inoltre gestisce direttamente – attraverso il ramo d’azienda dotFlorence Real Estate40 appartamenti turistici nel centro di Firenze e quindi conosce a fondo le esigenze degli host sia da un punto di vista di gestione digitale che da un punto di vista di gestione reale dell’immobile (check-in, check-out, pulizie, tassa di soggiorno, dichiarazione alla questura, etc..)Schermata 2017-04-24 alle 14.17.38

Il nostro software, sviluppato avendo in mente le reali esigenze degli host quali:

a) incrementare fatturato, tasso di occupazione, prezzo medio, RevPar, quantità e qualità delle recensioni
b) evitare gli overbooking

c) gestire strategie di revenue management su più OTA
d) calcolare rapidamente le statistiche collegate all’attività
e) ottimizzare la quantità di tempo investita nella gestione virtuale della propria “struttura turistica”
f) condividere in modo semplice le informazioni di check-in, check-out, pulizie con il resto dello staff

comprende:

Leggi tutto

DotFlorence Lab 19 Aprile 2017 – Google Ads, Facebook Ads, SEO organico per il turismo

Quando: Mercoledì 19 Aprile 2017 ore 15-18dotlab26aprile2017
Dove: Hotel Adriatico
Target: Imprenditori filiera lunga hospitality: hotel, b&b, agriturismi, appartamenti, ostelli, guide turistiche, wedding planner, tour operator..
Docenti: Marco de la Pierre, Edoardo Bini, Paolo Ramponi + intervento di un imprenditore turistico locale (sezione: dotCommunity)

Strategie di posizionamento di breve, medio e lungo periodo
Google Ads, Facebook Ads, SEO organico per le imprese turistiche

In occasione del dotFlorence Lab del 19 Aprile 2017 approfondiremo – insieme ai super docenti (quasi Web Guru, diciamocelo) Edoardo Bini, Paolo Ramponi e Marco de la Pierre – le tematiche collegate al:

1) SEM (Search Engine Marketing): strategia di posizionamento instantanea o di breve periodo (Focus su: Adwords di Google)
2) SMM (Social Media Marketing): anche questa strategia di posizionamento instantanea o di breve periodo attraverso i social media (focus su: Facebook Ads)
3) SEO (Search Engine Optimization): strategia di
medio e lungo periodo che mira ad un posizionamento duraturo nel tempo nei motori di ricerca (focus su: SEO per Google).

Nel corso del workshop verranno trattati anche temi quali: a) l’analisi delle stats (google analytics), b) il ROI (ritorno sull’investimento), c) l’analisi del punteggio SEO attraverso analisi operate da software quali  SEMRUSH, 4) I CMS di nuova generazione che integrano tutte queste informazioni and much much more…

Un lab che come sempre ci aiuterà a conoscere le straordinarie opportunità che la rete può offrire alle nostre attività imprenditoriali turistiche.
As usual, impossibile mancare!

Per iscriversi gratuitamente (max 3 per impresa turistica) compilate questo form:

Articolo by Marco de la Pierre – dotFlorence Lab team

Consapevolezza, Umiltà, Azione. 3 Keywords per il nostro futuro di imprenditori turistici!

Quando: Mercoledì 22 Marzo ore 15-18
Dove: Hotel Adriatico
Chi: Imprenditori filiera lunga hospitality (hotel, b&b, agriturismi, appartamenti, ostelli, guide turistiche, wedding planner, tour operator..)
Docenti: Marco de la Pierre, Edoardo Bini + intervento di un’imprenditrice locale (sezione: dotCommunity)

guardastelle.com
courtesy of guardastelle.com

Cosa c’entra l’acronimo AHA (Awareness, Humility, Action) con il vostro futuro di imprenditori turistici?

Dobbiamo sempre essere consapevoli che potrebbe esistere una strada nuova, diversa, migliore per gestire la nostra impresa (e la nostra vita, oserei dire!).

Un buon esempio potrebbe essere che solo recentemente ho scoperto che esiste un modo migliore e più efficace per allacciarsi le scarpe (diverso da quello che mi hanno insegnato quando avevo 6 anni e che ho sempre seguito ciecamente fino adesso!).

Quando avevo 18 anni già capii – grazie ad un mio compagno di squadra – che il mio modo di allacciarmi le scarpe non era ottimale se volevo giocare un’intera partita di basket senza rischiare di farmi male. Un buon reminder dell’importanza di rimanere umili e ascoltare gli altri che potrebbero saperne più di noi!

Se vogliamo crearci un futuro migliore dobbiamo entrare in azione. E una delle azioni più potenti è abbastanza semplice da capire: dobbiamo imparare a farci domande migliori!
Per esempio..vi siete mai chiesti a cosa servono quei 2 buchetti extra presenti nelle scarpe da corsa e da trekking? Io l’ho scoperto solo recentemente, alla veneranda età di 42 anni!

Questi buchetti li ho sempre visti e li ho sempre ignorati….fino a che recentemente non mi sono imbattuto in un video (con più di 55 milioni di visualizzazioni in youtube!!) che spiega esattamente a cosa servano. Praticamente sono pensati per creare un nodo utile ad evitare le vesciche ai piedi e per tenere le scarpe più aderenti – per lungo tempo – al piede.
Una volta scoperta l’utilità dei buchetti sono rimasto scioccato per il fatto che per lunghi anni la mia mancanza di curiosità mi avesse impedito di farmi la domanda giusta impedendomi anche quindi di darmi la risposta giusta.
Questo mi ha fatto riflettere sulle tante domande che quotidianamente  evitiamo di porci ma che in realtà potrebbero migliorare sensibilmente la qualità della nostra vita.

dotlab22marzo

(il video sarà mostrato in occasione del Lab del 22 Marzo – ore 15-18 @ Hotel Adriatico)

Ma che cosa ha a che fare questo semplice video tutorial (semplice sì, ma con 55,748,256 views!) con il nostro futuro di imprenditori del turismo? Tutto.

Noi del dotFlorence Lab siamo convinti che il futuro dell’hospitality sia pieno di straordinarie opportunità; il problema è che siamo talmente concentrati nelle attività quotidiane (e chi lavora nella filiera lunga del turismo sa bene di cosa parlo) che non riusciamo ad essere neanche consapevoli di queste opportunità (come dimostra la scoperta di un metodo migliore per allacciarsi le scarpe a 40 anni più che suonati!)

Secondariamente, spesso ci manca l’umiltà di riconoscere che potrebbe esistere un modo migliore di fare quello che facciamo ogni giorno (per esempio in campi quali: il web marketing, il revenue management, la procedura di check-in, il follow-up cliente, la strategia social, le attività SEO o le campagne Adwords, la gestione del blog, il miglior metodo per la gestione dello staff pulizie, la strategia per incrementare quantità e qualità delle recensioni, il metodo migliore e più rapido per rifare i letti, il tempo medio per organizzare una colazione perfetta, etc..)

Leggi tutto

Principi di N€UROMARKETING per imprese turistiche – DotFlorence Lab 25 Gennaio 2015

schermata-2016-01-01-alle-22-36-17Programma dotFlorence Lab 25 Gennaio 2017

I ora (ore 15-16)
Principi di Neurowebmarketing di Marco de la Pierre

II – III ora (ore 16-18)
Logo Ergo Sum di Edoardo Bini

I ora (ore 15-16)
Principi di N€UROWEBMARKETING di Marco de la Pierre

Saper comunicare significa trasmettere un’informazione nel modo più efficace possibile. I processi di interpretazione e apprendimento si concentrano principalmente nel modo in cui il nostro cervello elabora le informazioni che i suoi recettori esterni gli inviano sotto forma di impulso.

Conoscere caratteristiche, limiti, potenzialità di questi processi è di fondamentale importanza per creare una comunicazione davvero efficace.

Studiare i principi di neuromarketing permette di capire che molte delle certezze che abbiamo riguardo la nostra logica decisionale, la nostra influenzabilità, la nostra oggettività e la nostra coerenza non sono altro che convinzioni illusorie (e questo vale per tutti anche per chi il neuromarketing lo studia..).

Nella comunicazione esistono delle regole comuni a tutti noi riguardo a come il nostro cervello interpreta certi stimoli rispetto ad altri, stimoli che sono in grado di farci agire in maniera prevedibile, anche se non ne siamo pienamente coscienti.
Applicare queste regole in modo mirato all’interno di un contesto di marketing turistico online ci permette di migliorare grandemente la comunicazione persuasiva dei nostri prodotti/servizi con effetti diretti sulla CRO (Conversion Rate Optimization – tasso di conversione).

Prima di studiare ( e applicare) i principi di Neuromarketing è molto importante capire la differenza tra persuasione e manipolazione.
La persuasione è la capacità di comprendere e sintonizzarsi con i propri interlocutori rispettando il principio WIN-WIN (dove entrambe le parti vincono). Persuadere qualcuno significa allinearsi al suo pensiero per poi guidarlo verso le nostre posizioni (con lo scopo di dare valore aggiunto a noi ma anche al prossimo).

Manipolare significa invece estorcere il consenso sulla base di false promesse o facendo leva sui sensi di colpa. Si manipola qualcuno quando gli si fa fare qualcosa contro la sua volontà o il suo vantaggio.

LA COMUNICAZIONE PERSUASIVA

Dalle prime intuizioni di Freud agli studi di psicologia sociale fino alle moderne neuroscienze cognitive e comportamentali, gli studiosi sono concordi nell’affermare che l’uomo è un essere anche irrazionale.
Le emozioni e le caratteristiche biologiche giocano un ruolo fondamentale nelle nostre decisioni e il concetto di coerenza è qualcosa di lontano dalla realtà della condizione umana.

Per capire cosa spinga una persona a comprare, è necessario isolare e analizzare i meccanismi celebrali attivati dal packaging del prodotto, dalla sua posizione sugli scaffali, dai colori che lo compongono, dalla forma, dagli odori.

Lo stesso vale per un progetto di comunicazione web: è importante capire che ruolo hanno la disposizione spaziale degli elementi, le immagini utilizzate, il font, il copy, la simmetria nell’attivare le aree del nostro cervello (anzi dei nostri 3 cervelli come vedremo…).

schermata-2016-01-01-alle-22-55-18Il termine neuromarketing è stato coniato nel 2002 da Ale Smidts, professore di Marketing a Rotterdam. Il suo obiettivo era quello di individuare in un’unica parola  il concetto di neuroscienza applicata alle strategie di vendita: il neuromarketing rappresenta l’analisi scientifica di come il cervello umano risponde agli stimoli di marketing.

Questa disciplina viene oggi impiegata in vari ambiti incrociando esperienze sensoriali diverse, nel web (neuro web marketing) l’attenzione è naturalmente principalmente posta sull’aspetto visivo della comunicazione, dove viene analizzato nel dettaglio come certi stimoli visuali siano in grado di influenzare le azioni di un utente durante la navigazione.
Come abbiamo specificato il neuro(web)marketing si basa su ricerche e valutazioni rigorosamente scientifiche ed esistono essenzialmente 2 metodi di monitoraggio celebrale:

1) la risonanza magnetica funzionale (FMRI)  che attraverso l’utilizzo di un magnete permette di accedere ad una parte profonda del cervello.

2) e la elettroencefalografia (EEG), tecnologia che ha il vantaggio di poter esaminare il soggetto in movimento ma che non riesce ad accedere alle aree più profonde del cervello.
Lo studio della tecnologia alla base dei questa neuroscienza non sarà oggetto dell’intervento del 25 Gennaio, ma è importante sottolineare il carattere assolutamente scientifico di questo approccio.

Leggi tutto

LOGO ERGO SUM. Visual marketing online e offline per imprese turistiche 2.017!

Quando: 25 Gennaio 2017 (ore 15-18)dotflorencelab2017
Dove: Hotel Adriatico (Sala Firenze)
Docenti: Edoardo Bini + special guests
Finalità: Approfondire il concetto di visual marketing in ottica di revenue management

Un Lab come sempre “very inspirational” che ci permetterà di riflettere sull’efficacia delle nostre strategie di marketing online (con incursioni anche nel mondo della comunicazione offline).
I temi trattati dai nostri docenti – Edoardo Bini + special guests (di cui sveleremo i nomi nei prossimi giorni) – saranno:

– Individuazione Unique Value Proposition per una comunicazione coerente e consistente nel tempo
– Realizzazione del logo
– Ottimizzazione visual OTA, Social, UGC, website
– Ergonomia e approccio Gestalt di un sito web turistico
– Comunicazione coordinata offline e online 
– Comunicazione Video & Photo per il turismo
– Visual marketing e Piramide del revenue management

Un lab come sempre cool, young, free.
Impossibile mancare.

Per iscrizioni (max 3 per azienda):

Articolo by Marco de la Pierre – dotFlorence Lab