Esclusione del contante per i pagamenti delle locazioni turistiche e residenziali – CIRCOLARE N° 01/2014

Il nuovo anno porta con sé subito una significativa novità…l’eliminazione del contante per i pagamenti delle locazioni (anche quelle turistiche o studentesche…); decisione giusta? Sbagliata? Ancora non ci esprimiamo…
In ogni caso vi invitiamo a leggere con attenzione  la circolare che abbiamo ricevuto e vi segnaliamo che la dotFlorence Real Estate (e il network di portali da questa gestita: www.apartmentsinflorence.netwww.studentsville.ithttp://apartments.theflorentine.net , www.dotflorencerealestate.com , etc) si è subito attrezzata per poter “soccorrere” tutti i proprietari che non siano ancora in possesso di un POS offrendo la possibilità di utilizzare la propria piattaforma tecnologica per i pagamenti (per info contattateci a info@dotflorence.com )

DAL 1° GENNAIO 2014 PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE CON STRUMENTI TRACCIABILI

Si comunica a tutti i Sigg.ri Clienti che l’articolo 1, comma 50 della legge di Stabilità per il 2014 introduce una deroga alle regole “usuali” in tema di utilizzo del denaro contante (consentito sino a 999,99 euro); si prevede, infatti, che i pagamenti riguardanti canoni di locazione di unità abitative, fatta eccezione per quelli di alloggi di edilizia residenziale pubblica, sono corrisposti obbligatoriamente, quale ne sia l’importo, in forme e modalità che escludano l’uso del contante (assegni circolari, bonifici, carte di credito, ecc.) e ne assicurino la tracciabilità anche ai fini della asseverazione dei patti contrattuali per l’ottenimento delle agevolazioni e detrazioni fiscali da parte del locatore e del conduttore.

Quindi a partire dal 1° gennaio 2014, i pagamenti dei canoni di locazione di unità abitative dovranno essere effettuati obbligatoriamente con strumenti tracciabili anche se l’importo del canone dovesse essere inferiore alla soglia di 1.000 euro sancita nell’ambito della normativa antiriciclaggio.

Si osservi, peraltro, che la norma si applica generalmente ai canoni di locazione di immobili abitativi, a prescindere dall’esistenza del contratto, vuoi per il caso della mancanza legittima (locazioni transitorie turistiche, non superiori a 30 giorni), vuoi per il caso della mancanza totale del contratto.

Sanzioni
Le conseguenze sanzionatorie per eventuali violazioni non sono di poco conto: infatti, la misura oscilla dal 1% al 40% dell’importo trasferito.

Secondo le indicazioni ministeriali la sanzione si applica sia nei confronti di chi trasferisce sia di chi riceve il contante. Ai sensi dell’art. 58 comma 7 bis del D.Lgs 231/2007, inoltre, la sanzione amministrativa pecuniaria non può comunque essere inferiore nel minimo a 3.000 euro, mentre nel caso di violazioni dei limiti per importi superiori a 50.000 euro la sanzione minima è aumentata di cinque volte.

Vi invitiamo a commentare l’articolo e a condividere con tutta la community la soluzione da voi adottata per continuare il business nel rispetto della nuova normativa!

(Articolo by dotFlorenceRealEstate team)

Telecamere, videosorveglianza e termine per la conservazione delle immagini registrate

VIDEOSORVEGLIANZA

Gentile avvocato,

Accade sempre più spesso di notare sulle nostre strade telecamere con funzione di videosorveglianza. Comprendo benissimo l’importanza, anche ai fini di sicurezza, svolte dalle stesse, mi chiedevo però se la loro presenza sia rispettosa della nostra privacy, anche e soprattutto con riferimento al loro termine di conservazione ed al fatto che può accadere che quelle telecamere possano registrare immagini estranee alla finalità per le quali sono state posizionate.

Il tema relativo all’utilizzo delle immagini registrate dagli impianti di videosorveglianza e, soprattutto, al termine di conservazione di quelle immagini, nel giro di pochi anni, ha visto radicali cambiamenti nell’interpretazione data dalle disposizioni in materia.

Con un primo provvedimento datato 2010, l’Autorità Garante per la Protezione dei Dati Personali aveva stabilito precisi vincoli a cui doversi attenere per utilizzare gli impianti di videosorveglianza.

Leggi tutto

Valore legale della pec e messa in mora

PEC

Gentile avvocato,

Ho acquistato un cellulare presso un venditore on-line. Dopo alcuni mesi, ha però smesso di funzionare.Essendo ancora in garanzia, ho spedito allo stesso una lettera di messa in mora, via posta certificata(PEC), ben sapendo, però che il venditore non avesse, a sua volta, un indirizzo mail certificato. Tuttavia egli ha replicato alla mia più volte anche firmandosi, dimostrando così di essere a conoscenza degli eventi, come da me contestati. Vorrei sapere se, qualora volessi intraprendere un’azione legale, quella mail possa essere considerata a tutti gli effetti come formale messa in mora o se avrei invece dovuto inviarla a mezzo raccomandata.

La PEC (Posta Elettronica Certificata) rappresenta il corrispondente elettronico della Raccomandata A/R (raccomandata postale con ricevuta di ritorno), tanto è vero che il DPR 11 febbraio 2005 ha stabilito che la posta certificata abbia lo stesso valore legale di quest’ultima.

Si tratta di uno strumento basato sulla posta elettronica attraverso il quale, al mittente, viene fornita una prova legale dell’avvenuta consegna del proprio messaggio.

Leggi tutto

Locazione di immobili ad uso turistico: Quali adempimenti necessari

 

dotflorence real estateGentile avvocato,

Sono proprietario di alcuni appartamenti che ho deciso di affittare ad uso turistico.

Non conosco però gli adempimenti su tale tipologia di locazioni e vorrei, pertanto, avere precise

indicazioni in merito, così da poter essere in regola. Ad esempio se affitto a cittadini russi sarebbe bene predisporre anche un contratto in lingua russa?

Con riferimento alla domanda occorre in primo luogo evidenziare come la materia degli affitti ad uso turistico sia totalmente sottoposta alla disciplina del Codice Civile, con conseguente esclusione di dette categorie di locazioni dalla più specifica normativa in materia.

Leggi tutto

Accesso alle mail dei propri dipendenti da parte del datore di lavoro

EMAIL LUOGO LAVOROGentile avvocato,

A seguito di una controversia sorta sul mio luogo di lavoro vorrei sapere da Lei se è possibile per il datore di lavoro controllare l’e-mail personale e/o aziendale del proprio dipendente e, di conseguenza, pretendere di conoscerne la password della stessa.

La risposta al quesito formulato circa la possibilità che il datore di lavoro possa avere accesso all’indirizzo di posta elettronica personale e/o aziendale dei propri dipendenti merita alcune brevi premesse.
La posta elettronica è, ormai ampiamente equiparata alla posta epistolare.

Tale equiparazione è stata definitivamente sancita anche dal nostro ordinamento con l’introduzione dell’art. 5 della Legge 23 dicembre 1993, n. 547.

In conseguenza di ciò, i messaggi inviati a mezzo e-mail sono soggetti alle stesse di riservatezza e inviolabilità che tutelano la posta.

Leggi tutto