Dal “quartierino in centro” all’ “impresa di hospitality”: know-how, strumenti, formazione. DotFlorence Lab 25 Ottobre 2017!

Hotel Adriatico (Sala Firenze)
Orario: 15,00-18,00

ore 15,00-16,30 – docente Marco de la Pierre
Hospitality Academy: RevPar, CostPar, RevPac, ROI, Margine di contribuzione, Costi fissi, costi variabili, costi semivariabili. Know-how di base che ogni imprenditore di hospitality deve conoscere.

ore 16,30-18,00 – docenti: Nicola Magnini, Alessandra Andreani, Maurizio Beolchini
Gli strumenti dell’imprenditore turistico: PMS, RMS, CMS hospitality, CM, BE e check-in by guest tutto in chiave “umana” attraverso l’esperienza di una superhost.

Da sempre il concetto di comprare il “quartierino” e metterlo a reddito è stato un leitmotiv per molte generazioni. Investire nel cosiddetto mattone e ritrovarsi poi una casa, appartamento oaltro da utilizzare per i propri figli è stato un tema ricorrente. Questa frase, questo concetto non è mai stato tanto attuale quanto adesso. Le domande si susseguono. E’ tutto un parlare di tasse, cedolare secca, contratti, tassa di soggiorno senza trovare la via di uscita. Molte persone mi hanno fermato chiedendomi di essere rassicurate perché si erano lanciate in questa o in quella compravendita o peggio erano in procinto di investire una determinata somma su un investimento immobiliare.

Ma quanto ci guadagnerò? Ma riprenderò i soldi che ho investito? Una determinata zona sarà meglio rispetto ad un’altra?

Presi da mille domande, dubbi e perplessità la terra delle certezze trema e i contorni dell’immagine nitida che ci eravamo costruiti sembra perdere consistenza ….Veniamo poi ai corsi di web marketing spinti dalla sete di conoscenza e dalla voglia di comprendere meglio i tanti termini che circondano la locazione turistica e spesso usciamo con più dubbi che certezze.

Calma!

Respirare!

Chiudete gli occhi e cercate di creare dei contenitori, grandi, dove far ricadere tutti i vostri pensieri, quelli positivi e quelli negativi, poi aggiungerete altri contenitori e provate a fare ordine tenendo sempre in considerazione alcune priorità. Abbandonate la terra dell’amatoriale e volate verso il professionale …informatevi, leggete, iscrivetevi ai corsi ma soprattutto diventate imprenditori della vostra idea

Vivere in Italia, vivere a Firenze dovrebbero dare una risposta parziale alle vostre domande. In uno dei precedenti lab si parlava proprio di come è visto il nostro paese al di fuori dei confini nazionali. La nostra visione è sempre appesantita da una serie di considerazioni, oserei dire, interne, che all’estero non sono percepite o perlomeno non nella stessa misura, dimensione. In molti paesi siamo considerati come il “bel paese”, sinonimo di bellezza, qualità della vita, qualità dei prodotti, clima ideale e tanto altro …..sembra un pensiero scontato ma non lo è affatto.

Le persone che hanno avuto la fortuna di ereditare o comprare appartamenti e hanno saputo sposare il “brand Italia” con l’utilizzo delle OTA, sono diventate in breve tempo property managers, piuttosto che imprenditori turistici ma ci sono ancora tante persone che hanno un lavoro ‘diverso’ e si ritrovano a gestire virtualmente e fisicamente un appartamento.  Non è facile capire quale strada percorrere, quale strategia applicare, quale portale privilegiare o a quale manager affidarsi. Fate le vostre analisi, non occorre essere un imprenditore di fatto per annotare i vostri pensieri e fare ordine. Oggi il mondo turistico deve fare i conti con gli appartamentai e con il business che loro stessi producono adoperando questa o quella strategia.

Essere imprenditori di se stessi significa prendere coscienza di una serie di fattori, informarsi e adoperare gli strumenti giusti:

In occasione del Lab del 25 Ottobre parleremo di PMS, Channel Manager, Booking Engine e Check-in by Guest e mi sento di dire, esagerando, che siamo di fronte a un momento storico.

Io volevo studiare lingue da ragazzina ma all’epoca il liceo linguistico era privato e le scuole superiori con una forte presenza dello studio delle lingue erano la scuola alberghiera e l’istitutotecnico per il turismo e le prospettive erano di finire a lavorare in un albergo o in un’agenzia di viaggi, chi era un po’ più ardito andava verso il mondo congressuale o verso quello del mondo delle guide turistiche.

Oggi il mondo extralberghiero ha allargato i suoi orizzonti e gli “appartamentai” tramite le grandi OTA come booking, airbnb, tripadvisor e altro sono il vero grande settore e contenitore di esperienze turistiche. Già con le informazioni in nostro possesso e con gli strumenti di cui disponiamo potremmo pensare che in un futuro non troppo lontano ci sarà un indirizzo scolastico calibrato sulle esperienze lavorative nel settore della LOCAZIONE TURISTICA che si applica grazie alla disponibilità di appartamenti (ma anche stanze private), palazzi, strutture residenziali e come recita airbnb capanne, granai, castelli e tanto altro.

Il momento storico, a mio avviso, non risiede solo nel fatto che oggi è più facile riempire un palazzo di 100 appartamenti che un albergo di 100 stanze ma dal fatto che esistono strumenti che ci permettono di gestire le prenotazioni, disponibilità, prezzi e persino check in tramite delle applicazioni e/o configurazioni sul cellulare. Non è impressionante?

Le potenzialità di uno strumento come il PMS sono in divenire e aiutano sia l’imprenditore che l’”appartamentaio” singolo a gestire la propria attività risparmiando tempo, e raccogliendo al contempo una serie di informazioni che aiuteranno a fare delle analisi utili alla propria attività:

Dati effettivi / riscontrabili / materiali

  • Calendario aggiornato in tempo reale
  • Statistiche sempre a portata di mano
  • Condivisione dei dati che NOI scegliamo con collaboratori/amici/agenzie
  • Politica di pricing direttamente riscontrabile sulle OTA/SITO
  • Costruzione di un database dei clienti
  • Condivisione dei dati dei clienti sui contratti di locazione e prossimamente sulle schedine per effettuare il check in by guest
  • Conteggio della tassa di soggiorno, numero presenze e numero pernottamenti
  • Gestione delle disponibilità e dei prezzi di ogni singolo portale o di tutti i portali tramite il PMS

Dati intangibili / immateriali

  • RISPARMIO DI TEMPO
  • Il potere di avere un DATABASE di informazioni che posso usare
  • Capacità di INTERMEDIAZIONE (contattare i clienti personalmente)
  • Analisi dei dati e delle statistiche e quindi capacità di PREVISIONE
  • Concentrarsi sul GUEST e non sugli aspetti burocratici

Per iscriversi gratuitamente all’evento di Web Marketing più hot in downtown:

Articolo by Alessandra Andreani (dotFlorence Lab)

Lascia un commento